A- A+
Milano
Expo, Palmeri: "Dopo l'India se ne vada anche l'Eritrea"

Era successo con l'India, quando alcune forze politiche ne chiesero l'estromissione da Expo a causa della vicenda Maro'; succede oggi con l'Eritrea che vede in fuga migliaia di immigrati che Milano sta accogliendo come profughi. "Una contraddizione", secondo il consigliere comunale liberale, Manfredi Palmeri, che ha sollevato il caso del Paese africano ritenendolo a quanto punto "incompatibile" con l'Esposizione universale. "Non e' possibile pensare che a Milano al mattino si accolgano i profughi dell'Eritrea e al pomeriggio ci si sieda a un tavolo con i rappresentanti di quel Governo a fare accordi su Expo in quanto Paese partecipante - ha fatto notare l'ex presidente dell'Aula di Palazzo Marino -. Sta esplodendo una contraddizione che non puo' essere piu' taciuta: le due cose - ha sottolineato - non possono stare in piedi insieme. O si reputa che quello Stato sia un soggetto coerente con lo spirito di Expo e dotato delle condizioni minime per poter essere interlocutore, allora e' difficile qualificare come profugo chi lascia il Paese, oppure si prende atto che non lo e' e allora chi scappa da la' e' un profugo di guerra, ma l'Eritrea non puo' partecipare a Expo".

Tags:
expopalmeri







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.