A- A+
Milano
Gelmini: "Sinistra affonda con la Città metropolitana"

Per  Mariastella Gelmini, coordinatrice regionale di FI "non è Milano che affonda con la città metropolitana: ad affondare è la sinistra milanese e nazionale, e la sua costante, immutabile inconcludenza. Nel 2011 hanno promesso la 'primavera' arancione per Milano, fallita a poco più di metà mandato con la rinuncia del sindaco a ricandidarsi e nessuna realizzazione del programma. Ora anche la città metropolitana naufraga dopo alate promesse e decine di convegni a base di favole. Invece che abolire le Provincie e distribuire le competenze tra Comuni e Regioni, il governo ha creato un carrozzone vuoto con la legge Delrio. Ora tutto naufraga nei debiti, con un surreale scaricabarile tra il Pd milanese e il Pd governativo, come se non fossero la stessa cosa. Naufraga Roma, naufraga Milano. Per citare un vecchio successo: è 'la solita canzone, che sai già come fa': la sinistra vince con le promesse e i sogni, e poi fallisce tra le liti e le recriminazioni interne. Nel 2016 a Milano la solita canzone cambierà, e vinceranno i moderati".

Il riferimento è al grido di allarme lanciato da Giuliano Pisapia, sindaco di Milano e della Città metropolitana, che in una intervista al Corriere ha affermato: "Siamo al capolinea". Il nuovo ente avrebbe infatti un buco da 90 milioni di euro da appianare entro il 31 luglio.

Tags:
mariastella gelminigiuliano pisapiacittà metropolitana






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.