A- A+
Milano
Islam a Milano... che impresa: la carica dei 40mila imprenditori
Ristoratore musulmano

Con la festa di Eid el Fitr del 17 luglio è terminato il Ramadan, il mese del digiuno della religione islamica. E anche le imprese lombarde con titolare proveniente da un Paese musulmano riprendono la loro normale attività. Non si tratta di una presenza dai numeri marginali, come rivela una elaborazione della Camera di commercio di Milano, su dati del registro imprese aggiornati al primo trimestre 2015.

RISTORAZIONE E NON SOLO/ Sono infatti oltre 8mila le ditte "islamiche" attive in Lombardia tra cibo, vestiti e regali, ovvero i settori maggiormente coinvolti dal Ramadan. Queste ditte vendono soprattutto abbigliamento e calzature (4.519 ambulanti specializzati e 138 negozi al dettaglio in Lombardia), sono titolari di attività di ristorazione (1.990 ristoranti e 214 bar), di macellerie o ortofrutta (rispettivamente 209 e 85 attività), vendono alimentari (come ambulanti, 585, o nei mercatini, 264), producono e commerciano pane e dolci (135 ditte). Tra le province, le maggiori presenze si registrano a Milano (43,3% del totale), seguita da Brescia e Bergamo, rispettivamente con 921 e 883 attività. I settori che crescono di più in Lombardia. I ristoranti passano da 1827 a 1990, i mercatini (da 209 a 264), gli ambulanti alimentari (da 525 a  585), le macellerie (da 162 a 209), l’ortofrutta da 65 a  85. I settori che crescono di più a Milano. I ristoranti passano da 796 a 871, gli ambulanti alimentari (da 320 a 378), i mercatini (da 113 a 148), le macellerie (da 80 a 102), l’ortofrutta da 21 a 35.

OLTRE 40MILA IMPRESE IN LOMBARDIA/ Ma complessivamente le cariche dei musulmani nelle imprese lombarde, secondo i dati raccolti dalla Camera di Commercio di Milano, sono 40mila. Se si considerano tutti i settori, in totale sono 43.514 le cariche di imprenditori provenienti dai principali Paesi a maggioranza musulmana presenti in Lombardia, in crescita del 7,3% rispetto all’anno scorso. I più presenti gli egiziani: sono 14.366 le cariche, una su tre, +6,3%. Seguono i marocchini con quasi 11 mila presenze (+7,4%) e i bengalesi con 3.821, +20,9% che superano quest’anno i pakistani con 3.741 cariche (+9,3%). A Milano città: soprattutto imprenditori dall’Egitto (+8,3%) e dal Bangladesh (+28,7%). 31 mila sono titolari d’impresa in Regione, erano 28mila lo scorso anno in Lombardia. Sono 10 mila a Milano città rispetto agli oltre 8mila dello scorso anno (+9% in Lombardia in un anno, +16% a Milano città).

Tags:
islamramadancamera di commercioimpresa






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.