A- A+
Milano
Maroni: "Sicurezza treni, giovedì vedo Renzi ma preparo piano B"

"Giovedì mattina vedrò il premier Renzi e gli ribadirò la questione della sicurezza dei nostri treni, dove devono salire uomini della Polizia e dei Carabinieri, e, magari, anche avere l'esercito nelle stazioni. E' compito loro garantire la sicurezza, perché io non ho ancora lo Statuto della Regione Sicilia, che attribuisce al presidente la competenza sull'ordine pubblico, ma, se Renzi mi dirà di no o non mi dovesse dare risposte convincenti allora passiamo al 'piano B', per cui ce ne occuperemo noi, anche se non è compito mio, perché voglio garantire la sicurezza di chi viaggia o lavora sui treni". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questa mattina, nel corso dell'incontro con la stampa, in occasione dell'adozione della guglia di Madre Cabrini da parte del Niaf-The National Italian American Foundation e dei donatori di International Patrons of Duomo di Milano.

Tags:
sicurezzatrenitrenordroberto maronimatteo renzi







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.