A- A+
Milano
Migranti, Maroni: "Gestione inaccettabile, indegna di Paese civile"

"Voglio fare quello che fa Renzi. Con la sua proposta di agire sul Patto di Stabilità mi ha dato una buona idea. Mi comporterò in maniera analoga". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, a margine della VII Conferenza Italia America Latina e Caraibi, a proposito del dibattito sugli incentivi che il premier intende dare ai Comuni che accolgono i clandestini e che invece il governatore vuole tagliare alle amministrazione che si comportano in questo modo.  Sollecitato  a un commento sulla situazione di emergenza alla Stazione Centrale di Milano, dove sono accampati centinaia di immigrati e dove si sono registrati numerosissimi casi di scabbia, il governatore ha parlato "di pessima gestione del fenomeno immigrazione, non degna di un Paese civile. L'ho detto, lo ripeto e l'ho fatto presente anche al presidente del Consiglio: queste cose non possono succedere in Italia. E' inaccettabile".

Tags:
roberto maronimatteo renzimigranti







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.