A- A+
Milano
Lombardia e Jihad, un vecchio legame. I terroristi all'ombra del Duomo

La vicenda di Majid, arrestato in provincia di Milano per l'attentato di Tunisi al museo del Bardo, è ancora tutta da chiarire. Ma guardando indietro non si può certo dire che non sia mai esistito alcun legame tra la Lombardia e la Jihad. Da Abu Omar ai progetti di attentato al Duomo fino al reclutamento di combattenti da spedire in Siria, la lista dei potenziali (o veri e propri) terroristi annidati sul territorio lombardo non è per niente breve.

Nel corso degli anni sono state almeno sette le cellule islamiche scoperte in Lombardia. Per fortuna queste cellule pronte a colpire sono state sempre fermate e smembrate prima che potessero entrare in azione. Posto il fatto che la vicenda di Majid (il giovane marocchino arrestato a Gaggiano perché sospettato di essere uno dei protagonisti dell'attentato al museo del Bardo a Tunisi che provocò 24 morti), non è ancora chiara e ci sono indizi contrastanti sul suo effettivo coinvolgimento, guardando nel passato, seguendo l'excursus fatto da Il Giornale, i casi di Jihad al'ombra del Duomo ci sono stati eccome.

Nel 2003 Abu Omar, all'epoca imam della moschea di viale Jenner a Milano, fu rapito dai servizi segreti americani con l'aiuto di quelli italiani in una vicenda dai contorni per certi versi ancora oscuri. Abu Omar, sospetto terrorista internazionale, venne portato in Egitto e torturato. Nel 2004 gli investigatori di Cremona arrestarono 4 quattro terroristi, due marocchini e due tunisini, tra cui l'ex imam Mourad Trabelsi, 35 anni. Stavano progettando di colpire con delle bombe la questura e il Duomo di Cremona, nonché le fermate della metropolitana di Centrale e Duomo a Milano. 

Nel 2009 venne fermato appena in tempo il 35enne libico Mohammed Game, che insieme a due complici preparò una rudimentale bomba a base di fertilizzanti chimici, con cui entrò alla caserma Santa Barbara. Nel 2013 a Brescia viene arrestato un marocchino di 21 anni che insieme ad altri due nordafricani è accusato di fare proselitismo per reclutare combattenti da inviare in Siria.

Solo un anno fa, Mohamed Yassine Mansouri, capo servizi segreti marocchini, rivela: "Abbiamo sgominato una cellula marocchina che interagiva con alcuni fiancheggiatori in Lombardia". Secondo Mansouti i terroristi volevano colpire il Duomo di Milano, e le basiliche di Sant'Antonio a Padova e san Petronio a Bologna. E' cronaca di pochi mesi fa l'intervento della Procura di Brescia che ha ordinato l'arresto di una cellula di reclutatori islamici composta da tre albanesi.

 

Tags:
milanojihadterroristi







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.