A- A+
Milano
Morgan accusato di stalking, in aula il 13 settembre prossimo

Morgan accusato di stalking in aula il 13 settembre prossimo

È fissata per il prossimo 13 settembre a Lecco l'udienza per le accuse di stalking a carico di Morgan, alias Marco Castoldi, mosse dalla ex compagna Angelica Schiatti. Si tratta di un'udienza tecnica, nella quale il giudice valuterà l'eventuale conciliazione tra le parti o per dirimere eventuali questioni preliminari. Le condotte denunciate da Schiatti fanno riferimento ad un arco temporale compreso tra aprile 2020 e settembre 2021. Presentata la denuncia, per la 35 enne monzese è scattato il codice rosso dagli uffici della Procura di Monza, che successivamente ha chiesto il rinvio a giudizio dell'artista. L'incompatibilità territoriale sollevata dagli avvocati della difesa ha però spostato il procedimento da Monza al Tribunale di Lecco. Nel frattempo non sono state emesse misure cautelari a carico di Morgan.

Gli avvocati di Morgan: "Ricostruzioni finalizzate a fornire una immagine distorta di Morgan"

Gli avvocati di Morgan, Rossella Gallo e Leonardo Cammarata, hanno spiegato ad Ansa: "In queste frenetiche ore sono apparse diverse ricostruzioni dei fatti non rispondenti al vero - hanno dichiarato Gallo e Cammarata -, funzionali unicamente a fornire una immagine totalmente distorta del Castoldi, gravemente offensive della reputazione e immagine personale, artistica e professionale del medesimo, con indebite ripercussioni sulla sua sfera privata oltreché pubblica, lavorativa, delle quali verranno interessate le autorità giudiziarie competenti".

I legali di Morgan: "Scorretto presentare verità assolute prima ancora del processo"

"È molto grave che si attacchi la persona del magistrato, sindacandone arbitrariamente l'operato senza avere cognizione né competenza in materia e soprattutto creando una pressione mediatica per condizionarne l'operato, accusandolo di porre in essere la 'vittimizzazione secondaria' della persona offesa".  Il processo "non è ancora iniziato - hanno spiegato i due avvocati - nulla è stato ancora vagliato e tantomeno provato. Appare dunque scorretto presentare oggi verità assolute prima ancora della verifica dibattimentale. Quello che è certo è che i vari magistrati che si sono occupati sino ad oggi della vicenda non hanno mai ritenuto di dovere applicare misure cautelari da codice rosso - hanno detto - evidentemente è perché non hanno ravvisato alcun pericolo per la persona offesa, così come altrettanto certa è la presunzione di non colpevolezza, quale principio costituzionalmente garantito".

Gli avvocati hanno dettagliato come "il procedimento penale è stato instaurato da una querela presentata più di 4 anni fa da Schiatti per presunti reati di stalking e diffamazione - procedimento già noto alla stampa - che aveva già avuto modo di parlarne. Le presunte condotte, sulle quali si potrà pronunciare solo il Giudice, contestate al Castoldi - hanno aggiunto - risalgono al 2020 -2021, i tratta dunque di vicende risalenti a 3-4 anni fa". "Per noi Morgan è innocente", hanno concluso.

Musica: Rai, con Morgan nessun contratto in essere

 "In riferimento alle polemiche sulla vicenda giudiziaria che coinvolge Morgan", la Rai precisa che "al momento non ha in essere alcun contratto con l'artista. Era stato annunciato un progetto che non e' stato perfezionato. Anche in considerazione di questo, non era prevista la sua presenza alla presentazione dei Palinsesti il prossimo 19 luglio a Napoli". Cosi' una nota di Viale Mazzini dopo le accuse al cantante di stalking a danno dell'ex compagna. 


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.