A- A+
Milano
Multa da 150 euro per chi calpesta un insetto nei parchi di Milano

Grandi polemiche e qualche ironia in commissione Ambiente per l'approvazione del nuovo "regolamento comunale per l'uso e la tutela del verde pubblico e privato": il documento siglato dall'assessore Chiara Bisconti e che dovrà ora passare al vaglio del consiglio comunale è stato contestato sotto diversi aspetti dall'opposizione, ed in particolare per la vastissima casisistica di divieti introdotti (con relative sanzioni). Qualche esempio? Multa da 150 euro se si schiacciano gli insetti, sanzione da 50 se si raccolgono margherite. Vietato anche lanciare pane ai pesci. Nel regolamento anche indicazioni precise sulla tutela degli alberi e sul divieto di fumare o bere alcol nelle aree verdi. Particolarmente critico il capogruppo di Forza Italia Pietro Tatarella, che ha rilevato come, a fronte di tutti questi divieti teorici, le forze per controllare i parchi siano comunque irrisorie.

Tags:
regolamento verdeambientechiara biscontipietro tatarella







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.