A- A+
Milano
Nerviano, se gli scandali “beffano” i lavoratori. Inside

di Fabio Massa

Una brutta storia, quella di Nerviano. Una storia di intrighi, soldi e tanti sprechi. In gran parte è stata raccontata dal Corriere della Sera, ma fino all’ultimo minuto non cessa di stupire. In questo caso, la storia che Affaritaliani.it può raccontare, tra l’altro nel giorno in cui si tiene il cda di NMS Group, è di come a pagare i conti per tutti siano sempre i lavoratori. 

Il cda del Nerviano Medical Sciences (NMS) è saltato qualche giorno fa, ormai completamente. NMS è di proprietà al 100 per cento della Fondazione Regionale per la Ricerca Biometica, la quale è del 100 per cento di Regione Lombardia. Il caos di Nerviano è noto: buchi milionari, ricercatori non pagati, strutture ormai fatiscenti. Eppure, la giunta Maroni-Mantovani sta provando a mettere mano alla vicenda, per mezzo di Alessandro Visconti, una delle new entry in Regione Lombardia più stimate ed autorevoli. Il primo passo, fondamentale, è stato nominare due personalità di chiara fama alla guida della Fondazione Regionale, il presidente Antonio Lanzavecchia e il direttore generale Aldo Tagliabue. Questi iniziano a mettere mano nel vespaio che è Nerviano, dove il presidente è (anzi era) Alberto Schumè e l’amministratore delegato è (anzi, era) Luciano Baielli (450mila euro lordi all’anno). Nerviano è pesantemente esposta con le banche. Per dirne una, fonti del Pirellone parlano 200 milioni che NMS deve a Unicredit, la banca che ha realizzato il nuovo quartiere di Porta Garibaldi a Milano. Anche la Popolare di Sondrio è esposta per circa 7 milioni di euro. Il presidente onorario della Popolare di Sondrio di cognome è Piero Melazzini, definito il “decano dei banchieri italiani”. E la Popolare di Sondrio, tra le altre cose, è una delle banche più amate da Formigoni, nonché una delle due banche che ha un bancomat a Palazzo Lombardia. Dettagli.

Che cosa avviene a Nerviano, recentemente? Che i lavoratori sono da mesi che non prendono uno stipendio, quindi la Regione decide di stanziare 7 milioni e 400mila euro per iniziare ad anticipare il 70 per cento delle pendenze. Peccato che i lavoratori, questi 7,4 milioni, non li vedono. Finiscono - secondo fonti di Affaritaliani.it - preda delle banche, per azzerare il proprio debito. Anzi, di più, pare che dai vertici di Nms ci sia stato il nulla osta alla richiesta delle banche. Insomma cornuti e mazziati, non ci si può neanche rivalere. E i lavoratori? Possono aspettare. Intanto i vertici di Regione Lombardia pare che inferociti abbiano convocato le banche per capire che cosa è successo. Anche se sembra tutto fin troppo chiaro.

@FabioAMassa

Tags:
nervianomaroni






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.