A- A+
Milano
Omicidio a Brescia, si indaga sull'ipotesi di usura

"L'usura? E' un'ipotesi alla quale stiamo lavorando". Lo ha detto il questore di Brescia Carmine Esposito riguardo all'omicidio di Francesco Seramondi e Giovanna Ferrari, i coniugi uccisi nella loro pizzeria a Brescia. Non convince infatti la tesi fornita dal pakistano Muhammad Adnan, che ha confessato di essere l'autore materiale dell'assassinio. Ha detto di averlo fatto per motivi di "concorrenza", sostiene di aver ammazzato perché la pizzeria "da Frank", di proprietà della famiglia Seramondi, faceva più affari rispetto al suo "Dolce&Salato", il suo locale. Ma è una tesi che non convince gli inquirenti.

L'assassino e il suo complice, l'indiano Sarbjit Singh, hanno utilizzato un fucile a canne mozze che è risultato rubato, e sul quale la Procura di Brescia ha disposto una perizia. Si vuole accertare che sia realmente l'arma del delitto. Nel frattempo sono stati posti sotto sequestro gli effetti personali dei due fermati. "Ho incontrato i miei assistiti anche oggi in carcere e come un mantra ripetono la stessa versione dei fatti: che hanno ucciso per concorrenza" ha ribadito l'avvocato d'ufficio dei due, Claudia Romele. Ma è una tesi che non convince. E' proprio il movente dell'agguato a catalizzare l'attenzione degli inquirenti che stanno lavorando sui conti delle vittime e sul tesoretto da 800mila euro trovato nelle disponibilità della famiglia Seramondi. Più di 100mila euro solo al figlio dei coniugi uccisi.

Marco Seramondi si è trincerato dietro al silenzio: "Non dico nulla, chiedo solo che venga rispettato il mio dolore". Tuttavia gli investigatori continuano a scavare. "Ci sono situazioni che non ci convincono e in merito alle quali stiamo facendo accertamenti" ha spiegato il questore di Brescia facendo riferimento al "tesoretto" dei Seramondi. I conti correnti della famiglia bresciana sono sotto sequestro e l'analisi è affidata alla Guardia di Finanza che sta aspettando risposte dagli istituti di credito dove sono stati aperti i conti.

I DIFENSORI CONFERMANO IL MOVENTE - Muhammad Adnan, il pachistano arrestato per l'omicidio dei coniugi bresciani Seramondi nell'udienza di convalida in carcere ha confermato la sua versione sul movente, che non ha convinto gli inquirenti. "Ha confermato di aver ucciso perché il locale da Frank vendeva di più" ha spiegato l'avvocato Claudia Romele. Il complice indiano, Sarbjit Singh, "ha detto di aver preso cinquecento euro ma che non sapeva cosa andava a fare" ha spiegato il legale, l'avvocato Nicola Mannatrizio.

Tags:
omicidiobresciausura







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.