A- A+
Milano
Pinocchio/Expo e mezzi pubblici, i conti non tornano

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta un Paese… che usava i mezzi pubblici per andare a Expo. Secondo una notizia pubblicata oggi su Affaritaliani.it in esclusiva, le previsioni della vigilia pronosticavano: il 60 per cento userà i mezzi pubblici e il 40 per cento l’auto privata. Invece, la percentuale di persone che non stanno affollando i parcheggi (perché usano i treni e la metropolitana) è ben superiore: 85 per cento. E quindi? Tutti tranquilli, tutti contenti? Mica tanto. Perché secondo un altro report riservato del quale siamo venuti in possesso, abbiamo di che preoccuparci. Mi spiego. Trenord, la società di trasporto su ferro di proprietà della Regione Lombardia e di Ferrovie dello Stato, si è attivata, meritoriamente, per potenziare il servizio, con oltre 42mila posti in più al giorno, tra nuove carrozze, nuovi treni, e la nuova linea S14. Questo potenziamento ovviamente ha un costo, che non è da sottovalutare. Il problema è che l’utilizzo medio giornaliero, secondo i dati di Affaritaliani.it, di questi “nuovi” posti messi a disposizione, è di 6mila. In pratica, la gran parte dei vagoni sono vuoti. Il che significa solo una cosa: che la gente non sta andando ad Expo in treno. Facciamo una ulteriore deduzione: i casi sono due. O i visitatori hanno scelto un altro mezzo di trasporto (e allora vien da chiedersi perché) oppure non ci sono abbastanza visitatori. Il che stride con la grancassa (prezzolata, perché Expo fa pubblicità milionarie sui principali media) delle notizie che leggiamo sui giornali. Due appelli. Il primo: Expo è bellissima, andateci tutti. Il secondo: diteci la verità sulle Esposizioni. E’ sempre la cosa migliore.

Tags:
pinocchioexpotrenord







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.