A- A+
Milano
Più carabinieri, badge e controlli random: il tribunale dopo l'eccidio di Giardiello

Più carabinieri a presidiare le aule dove si svolgono le udienze, tornelli con badge personalizzato in prospettiva e controlli random degli utenti professionali a tutti e quattro gli accessi del Palazzo di Giustizia di Milano. E' quanto ha deliberato la Commissione manutenzione degli uffici giudiziari riunitasi per valutare una serie di proposte da portare al Ministero della Giustizia dopo l'eccidio compiuto da Claudio Giardiello il 9 aprile scorso. La Commissione, alla quale hanno partecipato tra gli altri il Presidente della Corte d'Appello Giovanni Canzio e l'Avvocato Generale Laura Bertole' Viale, ha deciso - si legge nel verbale della riunione - di "mantenere la divisione dei varchi di accesso tra quelli riservati al pubblico e quelli riservati, previa esibizione di tesserino di riconoscimento con foto, agli utenti professionali (magistrati, personale amministrativo e avvocati di tutti i Fori)".

E' stata inoltre "condivisa" la "necessita', in prospettiva, di procedere all'installazione di tornelli con apposito badge personalizzato e con controllo random manuale a sorpresa". Si e' deciso poi "di rivolgere all'Arma dei Carabinieri l'invito a incrementare il numero dei carabinieri presenti nel Palazzo di Giustizia e a effettuare una vigilanza dinamica nei corridoi e nei pressi delle aule di udienza" e di "dare avviso a tutti gli utenti professionali che, pure se in possesso di regolare porto d'armi, non e' loro consentito l'accesso con armi nel Palazzo di Giustizia". Per "potenziare il controllo random a tutti gli accessi, la Commissione evidenzia "l'opportunita' di avere la disponibilita' di uno strumento che consenta il controllo random programmato regolarmente dopo un certo numero di accessi di utenti".

Tags:
tribunale di milanoclaudio giardiello







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.