A- A+
Milano
Polizia, App e nuove tecnologie. I reati? Li verifica l'algoritmo

La polizia ha presentato nuove tecnologie, che vanno dalla app del commissariato di polizia online e passano con la rilevazione rapida degli incidenti stradali. "La polizia deve andare alla rincorsa per essere all'avanguardia e difendere meglio e tutelare ogni cittadino. Le tecnologie danno una grossa mano, ci vuole l'occhio umano ma il computer, l'elaborazione, l'algoritmo per verificare alcuni reati è assolutamente necessario" ha detto Luigi Savina, questore di Milano.

La app, gratuita, dà accesso a un commissariato virtuale per usufruire dei servizi di segnalazione, informazione e collaborazione, tramite smartphone o tablet. "In un'ottica di prossimità virtuale il cittadino conosce la sicurezza, deve usufruirne ma anche produrla: quindi se vede qualcosa di strano sulla metro lo può comunicare sui nostro portale, c'è un video delicato con bambini maltrattati - ha detto Alessandra Belardini, vice questore aggiunto e responsabile del servizio - la app consente al cittadino ma anche a noi di conoscere le problematiche della vita quotidiana". La segnalazione viene classificata per importanza e su questa base girata sul territorio per individuare la persona in difficoltà. Il servizio di video tutorial sul passaporto permette invece di chiarire i dubbi sul documento senza doversi rivolgere a uno sportello (finora ci sono stati 9mila accessi al giorno). "Abbiamo scelto di dividere l'argomento in tre parti, la prima contiene tutte le informazione generali per il rilascio, la seconda e la terza, che saranno pronte a breve, riguardano il passaporto dei minori e i casi speciali, cioè passaporto temporaneo, collettivo e doppio - ha spiegato Sara Scola, vice questore aggiunto e responsabile dell'ufficio comunicazione online - il primo tutorial serve per spiegare come e dove chiedere il passaporto, la documentazione da allegare alla domanda, la procedura per il rilascio del passaporto elettronico, cosa serve quando si viaggia fuori dall'Europa e l'Esta, procedura speciale per il viaggio senza visto negli Stati Uniti".

La tecnologia Topcrash PS tramite il satellitare rileva con estrema precisione il campo di un incidente per ripristinare al più presto un traffico regolare. "Solitamente facciamo le rilevazioni dopo un incidente a mano o segnando con il gessetto quindi richiede l'intervento di due operatori, con questa strumentazione, che si basa sulla ricezione di segnali satellitari, un solo operatore riesce a rilevare tutta l'area dell'incidente in molto meno della metà del tempo, consentendo di riaprire prima la circolazione ma anche stare meno tempo sulla strada con più sicurezza degli operatori in mezzo al traffico" ha spiegato Alessandro Zadra sovrintendente capo della polizia. Infine, la tecnologia più simile a Minority Report: la georeferenziazione consente l'analisi tattica e strategica e potenzia la prevenzione e investigazione dei reati.

Tags:
poliziaapptecnologiaminority report







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.