A- A+
Milano
Fermato il "postino orco" di Legnano: rubava i soldi dalle buste dei bambini

Un vero "orco", il postino 56enne di Villa Cortese e operante a Legnano: dopo mesi di indagine da parte degli agenti del commissariato legnanese, si è scoperto che l'uomo, tra i banchi delle poste, apriva decine e decine di buste alla ricerca di contante, da andare poi a giocare alle slot machine ed ai videopoker. Una vera mania con delle "vittime" preferite: le letterine di zii e nonni per i bambini, spesso contenenti denaro contante. Le riconosceva per le buste decorate ed i colori sgargianti. Alle prime denunce, risalenti all'anno scorso, di cittadini che non ricevevano le lettere, sono partite le indagini. A novembre, addirittura 565 le raccomandate scomparse. Davvero troppe. E così martedì 24 febbraio è scattata l'operazione, dopo mesi di fotografie, rilievi, appostamenti. L'uomo è stato fermato a bordo della sua auto, al cui interno sono venute fuori centinaia e centinaia di buste aperte, che stavano per essere gettate via dall'uomo. Il 56enne non ha opposto resistenza ed è stato denunciato a piede libero per furto aggravato, sottrazione e distruzione di corrispondenza. E' stato sospeso dal lavoro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
postapostinolegnanomancettelettere






A2A
A2A
i blog di affari
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.