A- A+
Milano
Reddito di cittadinanza, scoperti 70 'furbetti' a Lecco
Guardia di finanza

Reddito di cittadinanza, scoperti 70 furbetti a Lecco

Reddito di cittadinanza percepito indebitamente: la Guardia di Finanza di Lecco ha scoperto settante "furbetti" e tra loro anche una persona colpita da interdizione perpetua dai pubblici uffici in quanto condannato in via definitiva per associazione di tipo mafioso. Gli investigatori hanno eseguito verifiche in tutta la Provincia, con il  coordinamento della Procura della Repubblica di Lecco e con la collaborazione dell'Inps di Lecco che ha provveduto immediatamente a revocare l'erogazione del contributo agli indebiti beneficiari. Il totale delle erogazioni pubbliche indebitamente percepite, per le quali e' stata avanzata proposta di sequestro, ammonta a circa 500mila euro. Se non si fosse avviata l'indagine, il danno erariale per le casse dello Stato e quindi dell'intera collettivita' sarebbe stato di oltre 1 milione di euro.

Sui 70 soggetti individuati, 37 sono di origine extracomunitaria, 30 non hanno il requisito della residenza, 12 hanno una interdizione perpetua dai pubblici uffici, 8 non hanno comunicato di avere un familiare convivente in stato di detenzione, alcuni non hanno indicato tutti i redditi percepiti o vincite a giochi online o il possesso di immobili e auto di lusso, mentre altri sono stati individuati mentre lavoravano in "nero".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    guardia di finanzaleccoreddito di cittadinanza






    A2A
    A2A


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.