A- A+
Milano
Reddito minimo, Bruxelles gela Maroni: "Non con fondo sociale europeo"

La lettera giunta da Bruxelles a tema "Fondo sociale europeo - Inammissibilità delle misure passive" costituisce una bocciatura della proposta del governatore lombardo Roberto Maroni sul reddito di cittadinanza. La Direzione generale per l'occupazione dell'Unione Europea dice no al reddito di cittadinanza tout court finanziato con i soldi europei. La puntualizzazione dell'Europa arriva  - si legge nella nota di Bruxelles - a seguito di "alcuni quesiti che ci sono pervenuti". Nella lettera firmata dal capo unità Denis Genton, come riporta Repubblica, si spiega che "il sostegno al reddito attraverso il Fse dovrebbe essere finanziato solo nell'ambito di misure complementari, in quanto parte di un percorso integrato verso il mercato del lavoro, e dovrebbe essere limitato nel tempo alla durata di attivazione delle misure". E ancora, "tale misura di sostegno al reddito, da considerare alla stregua di un rimborso spese per la p artecipazione a un progetto", deve avere "una durata e una platea di destinatari limitata". La sostanza è che l'eventuale reddito di cittadinanza è ammissibile solo se vincolato a delle politiche attive, cioè al fatto che il singolo stia seguendo dei percorsi di ricollocamento nel mondo del lavoro.

Tags:
reddito cittadinanzabruxellesfondo sociale europeoroberto maroni






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.