Advertisement
A- A+
Milano
Rider, sentenza a Milano: "Non è un lavoratore subordinato"
Rider Glovo

Rider, sentenza a Milano: "Non è un lavoratore subordinato"

Una sentenza che va in direzione contraria alle speranze dei rider milanesi e non solo: il giudice del lavoro del tribunale di Milano Giulia Dossi ha infatti rigettato il ricorso presentato dall'ex rider di consegne a domicilio di Foodinho, di proprietà di Glovo, Mohamed Elazab, assistito dagli avvocati Tommaso Dilonardo e Michela Mantarro, che chiedeva di essere riconosciuto come "lavoratore subordinato a tempo indeterminato".

La sua richiesta era un inquadramento come dipendente per il periodo dal 23 settembre 2016 al 28 marzo 2017, durante il quale aveva lavorato come co.co.co., e per i successivi 12 giorni in cui avrebbe lavorato senza contratto. Attese tra 60 giorni le motivazioni della sentenza che pare tuttavia esprimere un concetto chiaro:  non essendo il rider un dipendente subordinato l'azienda non aveva alcun obbligo di riconoscere il rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Tags:
rider milano








A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Coronavirus, analisi di un medico dell'emergenza operativo in pronto soccorso
di Giusi Urgesi
Coronavirus e openness cosmopolita? Risultato: libera circolazione dei contagi
di Diego Fusaro
Italia. Riforme che non possiamo più rimandare. Intervista ad Alessia Potecchi
di Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.