A- A+
Milano
Robledo ad Affari: "Viola? Avevamo bisogno del Papa straniero a Milano"

di Fabio Massa

Alfredo Robledo, già pm di primissimo piano in procura a Milano, commenta in modo assai positivo la nomina di Marcello Viola a procuratore capo, decisa dal plenum del Csm. Ad Affaritaliani.it Milano spiega: "Sono molto contento di questa decisione. Nulla togliendo al valore degli altri ma accolgo con grande favore la rottura della continuità. Milano ha bisogno assolutamente del Papa straniero. Il Papa straniero non ha legami, legacci, relazioni, e sarà in grado di fare con grande efficienza il suo lavoro. Ne sentivamo il bisogno, e lo dico sia da magistrato che da cittadino".

"Inoltre vorrei sottolineare il fatto che gli incarichi e le funzioni ricoperte dal nuovo procuratore testimoniano la sua grande professionalità, cosa oltremodo necessaria in questo periodo per la Procura di Milano".

Leggi anche

Marcello Viola procuratore capo. Le sei cose che cambiano a Milano

Csm: da Firenze a Milano: Marcello Viola nuovo procuratore

Commenti
    Tags:
    milanoprocuraprocura di milanorobledoviola







    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.