A- A+
Milano
Rocca (Assolombarda): "50 progetti per far volare Milano"

"Non possiamo rassegnarci a una crescita del Pil pari a decimali di punto. A questo fine, per conseguire l’obiettivo del 2% di crescita annua nazionale, Milano deve concentrarsi su come far meglio rispetto alle aree più avanzate dell’Europa e dell’Occidente” – sono parole di Gianfelice Rocca, che ha illustrato l’avanzamento dei 50 progetti ‘Far Volare Milano’ esposto all’assemblea straordinaria di Assolombarda -. Abbiamo la consapevolezza – ha proseguito – di operare in una Grande Milano caratterizzata da intenso  spirito civico. Lo abbiamo tutti toccato con mano, all’indomani delle devastazioni inflitte alla città lo scorso primo maggio. Ed è un grande patrimonio, che come imprese vogliamo contribuire a consolidare ogni  giorno. Un patrimonio che va preservato anche nelle difficoltà che a Milano sono persistenti. Su materie come la sicurezza pubblica, il decoro urbano, la ricettività verso immigrati e rifugiati, la politica nazionale deve riservare un confronto aperto e privo di pregiudizi con i responsabili amministrativi locali, su cui ricade la responsabilità di garantire ordine e dignità a chi vive e opera nella Grande Milano. Ma, allo stesso tempo, avvertiamo intorno a noi l’impressione di una Milano che stenta a riconoscersi in una grande visione di sviluppo. Una visione che, per ottenere i risultati che si prefigge, deve essere comune: condivisa tra imprese, società civile, mondo della cultura e dell’accademia, società politica e amministrazioni pubbliche”.

“Per questo Assolombarda – ha detto Rocca – compie oggi un altro passo avanti nella definizione della sua visione, del grande progetto che offriamo all’agenda pubblica nel tentativo di verificarne e perseguirne  insieme obiettivi e risultati. Il pilastro su cui fondiamo i nostri 50 progetti ‘Far Volare Milano’ è puntare su ‘Milano città S.T.E.A.M. ‘S’ come Science, ‘T’ come Technology, ‘E’ come Engineering, ‘A’ come Arts, ‘M’ come Mathematics”. “È qualcosa di molto diverso – ha aggiunto Rocca – dalla tradizionale divisione tra manifattura e servizi. L’elevata quota di servizi generata dalla manifattura, il moltiplicatore rappresentato dal fatto che la concorrenza nella globalizzazione è tra grandi aree metropolitane che proiettano nel mondo le proprie specializzazioni e la propria attrattività, l’impatto dell’intreccio tra ricerca e nuove tecnologie, l’innovazione di processo e di prodotto che va scaricata a terra trasformando le imprese e la Pubblica Amministrazione, tutto questo per noi in Assolombarda va declinato insieme: nella formula S.T.E.A.M."

Tags:
gianfelice roccaassolombardamilano steam






A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.