A- A+
Milano
Sala e i Dem, rapporto complicato: tra maratone consigliari e rimpasto

Sala e i Dem, rapporto complicato: tra maratone consigliari e rimpasto

Nessun rimpasto, operazione chirurgica. Beppe Sala pare proprio intenzionato a procedere così per sostituire Pierfrancesco Majorino. Anche se, fonti di Affaritaliani.it Milano, raccontano di un primo cittadino che sicuramente avocherà a sè le deleghe e potrebbe, se non trovasse la soluzione giusta, tirare anche più in lungo della settimana di cui ha parlato.

Anche perché con i Dem i rapporti potrebbero complicarsi. Mentre Sala conquistava le Olimpiadi e le prime pagine dei giornali, infatti, in Consiglio Comunale i democratici facevano il lavoro oscuro di difendere l'aumento del biglietto e pure degli abbonamenti. Roba non proprio popolarissima, che per essere sbloccata ha abbisognato di oltre 50 ore in una manciata di giorni. Una maratona infinita, che ha messo a dura prova non solo i consiglieri, ma anche il partito. Un partito che - passata l'emergenza consiglio e acquisite le Olimpiadi - vede un Sala in forma smagliante, con la popolarità ai massimi storici. Il timore è che proceda senza badare agli equilibri che non contano di certo in giunta, ma che a Palazzo Marino sono funzionali a far passare le delibere in consiglio. Tuttavia questo pone di fronte a un dilemma.

Se Beppe Sala dovesse scegliere di sostituire l'assessore Majorino del Pd con un esponente del Pd scontenterebbe la sinistra radicale e anche i civici (ovvero la lista del sindaco, che di fatto oggi è formata da nemici acerrimi del sindaco stesso). Peraltro, se Sala dovesse scegliere il Pd, quale area del Pd andrebbe a soddisfare? I majoriniani, e dunque con la nomina di Lamberto Bertolè, oppure gli zingarettiani ex renziani, con la nomina del capogruppo Filippo Barberis? Ecco perché la scelta più probabile, anche se a Palazzo fonti di Affari si affrettano a dire che è tramontata tempo fa, è quella di Fabio Terragni. Il manager alla guida di M4 è sicuramente e chiaramente di area Pd. Proviene dalla sinistra e non dal centro, e poi ha il vantaggio di essere terzo. E si sa, tra i due litiganti...

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    beppe salapierfrancesco majorino









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Da Xi a Renzi, se i nostri politici ignorano l’arte della negoziazione
    Di Ernesto Vergani
    Fnsi, Alg e famiglia Minotti. Assegnati i Premi giornalistici Rossella Minotti
    Redazione Trendiest News
    Come difendere e migliorare il valore economico dell'immagine virtuale
    di Gian Paolo Valcavi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.