A- A+
Milano
Sala: "I milanesi vogliono il glicine? Allora niente Museo della Resistenza"
Sala e il glicine di piazzale Baiamonti

Sala: "I milanesi vogliono il glicine? Allora niente Museo della Resistenza"

 "Se l'opinione pubblica, e l'opinione che si sta muovendo attorno al glicine, lo considera piu' importante del Museo, e se spostare il glicine è costosissimo, allora vorrà dire che rinunceremo al Museo della Resistenza". E' il pensiero del sindaco di Milano Giuseppe Sala sul glicine di piazzale Baiamonti, a due passi dal piazzale che stamane ha accolto il Forum23, l'evento dedicato ai consigli di municipio dei ragazzi e delle ragazze di Milano. "Ognuno però si prenderà le sue responsabilita'" ha precisato.

Glicine da spostare: il problema è legato ai costi

Il glicine e' quello dei giardini Lea Garofalo, che peraltro ospita alcuni appuntamenti del Forum, per il quale molti milanesi 'illustri' si sono mobilitati, oltre alle 50mila persone che hanno firmato una petizione per salvarlo dall'abbattimento. "Si sta vedendo come si puo' cercare di salvare il glicine ma il problema come sempre e' di costi - ha aggiunto - Se si dovesse andare verso un costo eccessivo a quel punto vediamo cosa fare: non e' un obbligo per Milano fare il Museo della Resistenza, per me però sarebbe un grandissimo peccato che si rinunci".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
glicinemuseo della resistenzapiazzale baiamontisala







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.