A- A+
Milano
Sanità, due milioni di lombardi verso l'esenzione dal superticket
mario mantovani

Mario Mantovani, assessore regionale alla Salute, intende esentare dal 'superticket' sanitario 2 milioni di persone. Il provvedimento, il cui impatto sui conti è stimato dall'assessore stesso in 30 milioni, potrebbe essere adottato gradualmente tra 2016 e 2017, sempre a detta di Mantovani. Dell'esenzione beneficerebbero le donne affette da tumore al seno e all'utero e nelle intenzioni dell'assessore il provvedimento renderebbe gratuite anche le creme per le donne sottoposte a radioterapie

"L'assessorato alla Sanità di Regione Lombardia, guidato da Mario Mantovani, vuole esentare le famiglie meno ricche dal superticket: è un'ottima proposta, perché il diritto alla salute è sacrosanto e di tutti". Lo dichiara Mariastella Gelmini, coordinatrice regionale di Forza Italia Lombardia. Saranno ben due milioni, secondo la Gelmini, i cittadini che dovrebbero essere esentati, con un reddito inferiore ai 18mila euro. "Ed è solo l'inizio, se infatti il Governo non imporrà altri tagli lineari al bilancio regionale (sono stati 350 i milioni tagliati alla Lombardia) il provvedimento si potrebbe estendere a tutti da qui al 2017. Intanto cominciamo con un primo passo molto significativo, che vale circa 30 milioni e che oltretutto riguarderà anche determinate fasce di popolazione a prescindere dal reddito come le donne colpite da tumore al seno o all'utero. Forza Italia porta avanti quest'idea importantissima, così come quella di una riforma della sanità dove sia garantita la libertà di scelta dei cittadini rispetto a dove farsi curare. Sono queste le cose che servono alla gente, soprattutto in un ambito delicato come la sanità. Avanti con questa riforma, nell'interesse dei lombardi".

Tags:
mario mantovanimariastella gelminiticketsanitàregione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.