A- A+
Milano
Sanità, truffa a Regione Lombardia: indagato Bedin, ex ad del San Raffaele
Nicola Bedin

Sanità, truffa a Regione Lombardia: indagato Bedin, ex ad del San Raffaele

Truffa alla Regione Lombardia attraverso la vendita di farmaci da oltre 10 milioni di euro: il nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di finanza ha notificato l'avviso di conclusione indagini firmato dal pm Paolo Storari a  11 indagati, tra i quali l'attuale presidente di Snam Nicola Bedin, allora Ad pro-tempore dell'ospedale San Raffaele controllato dal gruppo San Donato. Gli altri indagati sono amministratori e responsabili commerciali di 8 case farmaceutiche, un ex capo del'ufficio acquisti e un ex responsabile dei servizi farmacia del gruppo.

Questo il commento di Bedin: «Ho appreso da notizia di stampa che sarei indagato per fatti connessi all'acquisto di farmaci da parte dell'Ospedale San Raffaele, di cui sono stato amministratore delegato. Non ho ancora ricevuto alcuna notifica, ma posso sin da ora dichiarare di non essere a conoscenza di alcun asserito illecito. Ho piena fiducia nel lavoro della magistratura e sono convinto che presto sarà chiarita la mia totale estraneità alla vicenda».

L'inchiesta giornalistica sulle consulenze con Burioni

Per Bedin un periodo sicuramente poco sereno: un'inchiesta pubblicata a inizio giugno dall'Espresso ha raccontato il business (del tutto legale) delle consulenze anti Covid per le aziende avviato dalla sua società Lifenet Healthcare con la partecipazione del noto virologo Roberto Burioni. Dopo tale pubblicazione, su proposta dello stesso Bedin è stato rescisso il contratto in essere tra Lifenet Healtcare e Snam, per non dare adito ad illazioni proprio nelle settimane in cui il manager stava divenendo nuovo presidente del colosso del gas naturale.

Tornando alla truffa dei farmaci, questa ammonta a 10,2 milioni di euro ed e' stata cristallizzata nell'indagine che a dicembre scorso ha portato agli arresti domiciliari per Massimo Stefanato, ex responsabile pro-tempore dell'ufficio acquisti dello stesso ospedale San Raffaele e Mario Cavallazzi, altro funzionario. Tra i nomi figurano anche quello di Giovanni Carubi, ex responsabile commerciale della Maylan Spa e Alessandro Correnti; indagata anche Cinzia Falasco Volpin, amministratore delegato pro tempore della societa' Maylan e Silvia Marangoni, con l'incarico di responsabile commerciale della farmaceutica Novartis. Per la Bayer e' stata invece indagata la responsabile commerciale Lucia Francesca Garza; inoltre Luigi Rizzuto, con lo stesso incarico per la Abbvi e Alberto Albanese, della Fli-Lilly Italia. Secondo l'ipotesi investigativa, i farmaci venivano acquistati al prezzo di mercato, ma nelle note di credito il costo effettivo dichiarato era inferiore; la differenza era il provente della truffa per cui i soggetti - secondo gli investigatori - erano d'accordo, mentre il costo era scaricato sulle casse della Regione.

Loading...
Commenti
    Tags:
    farmacitruffa farmaciregione lombardianicola bedin







    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Covid 19, Gaber si chiederebbe: cos'è la destra, cos'è la sinistra?
    L'opinione di Massimo Puricelli
    Call center, reportage di Luna contro gli operatori telefonici. Non sul lavoro
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Eccellenze Campane e Verace Sudd: anche a Milano arriva la pizza nel ruoto
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.