A- A+
Milano
Scala, la protesta dei centri sociali: la "sfilata di moda popolare"
"Prima" alla Scala: la protesta degli antagonisti

Come da tradizione, la "Prima" della Scala è stata anche occasione di protesta: militanti del centro sociale "Il Cantiere" si sono infatti radunati già dalle 15.30 attorno al Teatro, proseguendo quindi in corteo lungo la Galleria e giungendo presso il Comune, dove hanno esposto due striscioni. Uno con la richiesta di "Soldi alla scuola, no alla guerra", l'altro, appeso alla facciata di palazzo Marino, con la scritta "Centinaia di ricchi, miliardi di poveri. Questo è lo Stato di emergenza". Tra i mannifestanti una rappresentanza della Cub ed alcuni lavoratori della Pirelli di Bollate, che hanno ricordato "sette lavoratori morti per amianto proprio alla Scala".

cantiere 02"Prima" alla Scala: la protesta degli antagonistiGuarda la gallery

Successivamente, è stato allestito un red carpet improvvisato davanti a Palazzo Marino, su cui sono stati fatte sfilare persone comuni  e anche animali. La "sfilata di moda popolare" è stata messa in scena per contestare ironicamente i vip presenti a teatro.

TENSIONE CON IL COMITATO ABITANTI SAN SIRO - Breve momento di tensione tra gli esponenti del comitato abitanti San Siro e le forze dell'ordine che si sono subito schierate per contenere i manifestanti che, appoggiati alle transenne hanno acceso torce colorate e qualche fumogeno.

Tags:
scalacentri socialicantiere







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.