A- A+
Milano
Scuole, test salivare molecolare lombardo usato al posto del naso-faringeo
Advertisement

Scuole, test salivare molecolare lombardo usato al posto del naso-faringeo

"Da maggio la Lombardia utilizzerà in ambito scolastico i test salivari molecolari frutto di una sperimentazione attuata dall'Università degli Studi di Milano. Questi test, meno invasivi e più semplici da utilizzare, hanno la stessa validità del tampone nasofaringeo molecolare. Ci consentiranno pertanto di attuare un monitoraggio ancora più accurato della diffusione del virus, senza la necessità di impiegare personale sanitario, che potrà dedicarsi alla campagna vaccinale e alla cura dei pazienti ricoverati e non negli ospedali". Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

"La richiesta di utilizzare i salivari molecolari - ha spiegato - era già stata avanzata diversi mesi fa al Cts nazionale senza ottenere risposte. Finalmente ieri il ministro Speranza ha confermato che tutti i tipi di test già autorizzati in Paesi che fanno parte del G7 possono essere utilizzati anche in Italia. Pertanto, considerando che questo test ha già ottenuto l'autorizzazione in gran parte di questi tra cui la Francia, Usa e Giappone, la nostra regione sarà la prima ad utilizzarlo in Italia, in sostituzione del tampone molecolare nasofaringeo, al momento unico strumento per confermare la positività al Covid-19".

"Sono molto onorato e ringrazio tutta l'equipe del professor Gianvincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Statale di Milano - ha concluso Fontana - che ha lavorato senza sosta per portare a termine il primo test italiano di questo tipo, confermando ancora una volta l'eccellenza lombarda anche nel campo della Ricerca".

Soddisfazione per il via all'impiego dei test salivari-molecolari anche in Italia, a partire da maggio, viene espressa da parte della vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. Con una lettera inviata dalla vicepresidente al ministro della Salute, Roberto Speranza, Regione Lombardia aveva chiesto ieri che il Cts nazionale approvasse in tempi rapidi l'utilizzo dell'innovativo test messo punto dall'Università degli Studi di Milano. Una richiesta formale già avanzata lo scorso 12 gennaio.

Il ministro Speranza ha, quindi, confermato che i test già autorizzati in Paesi del G7, come proprio il salivare-molecolare, possono essere automaticamente usati anche nel nostro Paese. "Questo strumento diagnostico, già in uso in Europa e Stati Uniti - spiega la vicepresidente Moratti - non comporta la presenza di personale sanitario per la raccolta del campione e pertanto, nella sua estrema semplicità e praticità, si presenta ideale per le scuole". "Il test salivare molecolare - rimarca Moratti - non dipendendo da operatori professionali e da luoghi dedicati, consentirebbe di liberare una notevole quantità di risorse attualmente impiegate in personale e logistica come oggi impongono i tamponi. Questo vantaggio appare allo stato attuale di notevole importanza, dato che il Paese e le Regioni stanno organizzando una campagna vaccinale di lunga durata e ampia portata e, contemporaneamente, piani di riaperture progressive di tante attività sociali e produttive".

E' come un lecca-lecca, sua attendibilità può arrivare fino al 98%

Parte dalla Lombardia la 'rivoluzione' in tema di screening anti-Covid. Lo ha annunciato oggi il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e confermato il preside della Facoltà di Medicina dell'Università Statale di Milano, Gian Vincenzo Zuccotti.  "Il test - ha spiegato il professor Zuccotti - è molto semplice, si effettua in un minuto e viene processato nei laboratori usando gli stessi reagenti e macchinari dei test molecolari classici. La differenza fondamentale è che è 'mini-invasivo', sembra infatti in tutto e per tutto un lecca-lecca da tenere in bocca un solo minuto e ha un'attendibilità che può arrivare fino al 98%".

In questo modo, la Lombardia punta a terminare in sicurezza l'anno scolastico in corso e a ripartire a settembre con una proposta più strutturata.  "Fra ottobre e dicembre - ha continuato Zuccotti - abbiamo avviato la sperimentazione su 1.628 studenti di Bollate, comune dove si erano verificati focolai caratterizzati dalla variante inglese. Abbiamo verificato la validità di questi test e, finalmente, il ministro Speranza ha dato il 'via libera'".

 Secondo Zuccotti, in vista della ripresa di settembre, il 'lollipop' sarà una vera e propria "rivoluzione" anche perché  "consentirà di concentrare gli sforzi dei sanitari proprio sui ragazzi, cioè coloro che - dal momento che non potranno essere sottoposti a vaccinazione visto che non esistono sieri specifici - potranno continuare a essere vettori del contagio".  I test salivari, inoltre, potranno essere molto preziosi anche nelle attività di screening nelle situazioni di maggior fragilità come comunità per diversamente abili e Rsa.

Commenti
    Tags:
    test salivare molecolare
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Sondaggi disastro per il Pd: sorpasso della Meloni. Fdi ora punta la Lega
    Battiato, Salvini oggi dice “grande Maestro”. Ma lo definì “piccolo uomo"
    Le 3 date per l'addio al coprifuoco: ecco il piano di Draghi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.