A- A+
Milano
Stadio, Sala: "Una sola grande certezza: Milan e Inter non vogliono San Siro"
Sala e lo stadio San Siro

Stadio, Sala: "Una sola grande certezza: Milan e Inter non vogliono San Siro"

"Credo che questa lunga e ancora non definita storia abbia una sola grande certezza: le due squadre non vogliono più stare a San Siro e nessuno può costringerle a ristrutturarlo. Per me è quindi doveroso impegnarmi fino in fondo perché si trovi una soluzione alternativa nel Comune di Milano. Poi se per qualsiasi motivo questo non accadrà, io voglio essere tranquillo nel pensare che ho fatto veramente tutto il possibile perché ciò avvenisse. Con buona pace di chi adesso commenta, a volte a sproposito, ma soprattutto senza proporre una soluzione". Lo ha detto il sindaco di Milano, Beppe Sala, nel suo podcast 'Buongiorno Milano', a proposito della vicenda stadio, di cui ha ricostruito le tappe.

Nuovo stadio per Milan e Inter, Sala ricostruisce la vicenda

"Vorrei dire la mia con calma sulla questione stadio, e non pretendo che tutti condividano la mia visione, ma vi propongo alcuni elementi di chiarezza su questa intricata vicenda", ha detto, spiegando: "Questa è una lunga storia che semplificando inizia con il cambio di proprietà di Milan e Inter. Le proprietà precedenti erano state decisamente longeve, una ventina d'anni Berlusconi e 16 anni Moratti, e più disponibili a sobbarcarsi i gravosi oneri connessi alla gestione di club del genere. Per le nuove proprietà, l'attenzione ai bilanci si è fatta più stringente, e nella loro testa la questione nuovo stadio significa due cose fondamentali. Uno, la possibilità di aumentare i ricavi; due, la consapevolezza che quando è il momento di cederlo, un club calcistico lo puoi cedere più facilmente se ha uno stadio di proprietà o almeno un progetto approvato dal Comune".

"Quando Inter e Milan sono venuti da me per parlarmi dello stadio, io ho subito proposto una grande ristrutturazione di San Siro, essendo disponibile a cedere loro la proprietà. Ma devo dare atto che mi hanno detto subito in maniera netta che era un'opzione che non potevano considerare. Il percorso ha preso molto tempo da un lato per la procedura amministrativa e le verifiche tecniche e dall'altro lato perché le squadre all'inizio avevano chiesto diritti volumetrici non compatibili con le regole del Comune", prosegue il sindaco.

Sala: "Finiti i tempi gloriosi di Moratti e Berlusconi: Milan e Inter non sono enti filantropici"

"Ad essere onesti - ha proseguito Sala - non possiamo ignorare che una parte del Consiglio comunale, anche della mia parte politica, il nuovo stadio non lo ha mai veramente voluto. Soprattutto se la cosa dovesse portare il sacrificio del vecchio stadio. Per cui una volta la questione era che San Siro non doveva essere abbattuto, poi continue richieste alle squadre di miglioramento del progetto, e così via". "A oggi - ha sottolineato Sala - le squadre non ci hanno formalmente comunicato la rinuncia al progetto su cui hanno lavorato insieme nell'ultimo periodo, e cioè un nuovo stadio nell'area di San Siro, che prevedrebbe comunque l'abbattimento del vecchio San Siro. Nel frattempo però il Milan ci ha comunicato in maniera informale che sta valutando una nuova opzione, sita nell'area chiamata 'La Maura'".

Sala conclude: "Questa nuova ipotesi significa due cose: andare a costruire su un altro terreno, questa volta però privato e non pubblico, e sganciarsi dall'Inter. La proprietà mi ha spiegato che ha bisogno di tre settimane per il masterplan, che riguarderebbe solo lo stadio e Casa Milan, senza altre costruzioni. Per quanto riguarda l'Inter, sono emerse voci di un'ipotesi fuori Milano, ma ovviamente nessuno li caccia da San Siro"."Sono finiti i tempi gloriosi di Berlusconi e Moratti, anche se noi tifosi ne abbiamo un po' di nostalgia, e oggi Inter e Milan sono in perdita, e non sono enti filantropici", ha concluso Sala.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
intermilansalasan sirostadio






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.