A- A+
Milano
Tariffa integrata, Granelli: "Atm non sarà la nuova Trenord"
Atm Milano

Tariffa integrata, Granelli: "Atm non sarà la nuova Trenord"

Atm, ultimatum del Comune di Milano a Regione Lombardia. L'assessore ai Trasporti di Palazzo Marino Marco Granelli ritiene che questa sarà la settimana decisiva per il nuovo meccanismo di tariffe integrate, la cui architrave è l'aumento del costo del biglietto Atm singolo da 1,5 a 2 euro, ma che abbraccia tutto il sistema di trasporti di area metropolitana. "Se la Regione pensa di trasformare Atm in Trenord, allora non ci siamo: se lo scordino perché non permetteremo mai che facciano affondare un sistema che sta continuando ad aumentare il servizio e i passeggeri", sono le parole di fuoco lanciate dalle colonne di Repubblica di oggi da Granelli. Riferimento allo stop che il provvedimento ha ricevuto in Regione Lombardia: "Basta con questa irresponsabilità — prosegue Granelli — basta con la tattica politica e i giochi elettorali. Noi dobbiamo partire, non possiamo più aspettare. Visto che non solo non ci danno più risorse per il trasporto pubblico, ma le hanno diminuite nel tempo, ci lascino iniziare con un meccanismo che permette al sistema di crescere senza penalizzare i pendolari e chi usa abitualmente i mezzi".

Come ricordato da Granelli, il nuovo sistema tariffario farebbe incassare ad Atm 55 milioni all'anno in più, per far fronte alle esigenze di un servizio in costante crescita: "Un’operazione che non toccherà gli abbonamenti e, anzi, aiuterà chi viene da fuori perché la sfida vera, adesso, non è solo quella di migliorare ulteriormente l’offerta in città, ma di allargarla anche all’esterno. Se non mettiamo mano subito alla situazione rischiamo di inaugurare le nuove stazioni della M1 di Monza Bettola e della M4 a Linate nel 2021, ma di non avere i soldi per far muovere i treni. Davvero Regione vuole farci arrivare allo stesso livello di crisi di Trenord?"

Terzi (Regione): "Da Granelli manca rispetto istituzionale"

Alle parole di Granelli replica l'assessore regionale Claudia Maria Terzi, che parla di un "rispetto istituzionale che sembra mancare": "Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale gli uffici stanno lavorando con l'impegnorichiesto proprio dal Comune, e sul quale la Regione ha dato la sua disponibilità, per trovare percorsi utili a individuare soluzioni efficaci. Granelli, quindi, rispetti questo impegno e lo faciliti". In secondo luogo, poi, l'assessore Terzi ritiene che "intervenire con la 'superficialità' usata da Granelli sul tema del trasporto ferroviario, che vede sul terreno responsabilità molteplici, complesse questioni organizzative, sperimentazioni gestionali, rapporti sempre delicati con le amministrazioni locali e con i cittadini, oltre ai temi della reputazione e - conseguentemente del valore di una società quotata in borsa - richiederebbe maggiore prudenza. La continenza verbale sarebbe quindi opportuna".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    tariffa integrata atmmarco granelliatmtrenord






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.