A- A+
Milano
Mezzi pubblici rumorosi? Comune e ATM prendono provvedimenti
tram a milano

Mezzi pubblici rumorosi? Comune e ATM prendono provvedimenti

Approvate le linee guida di un’intesa tra Comune e Atm per la predisposizione del Piano di Contenimento e Abbattimento del Rumore delle Infrastrutture Stradali finalizzato a censire località stradali e metodologie utili a contenere o abbattere il rumore urbano prodotto dal passaggio dei mezzi pubblici, in particolare dei tram. 

Il rumore, fino a poco tempo fa, era una delle fonti di inquinamento più sottovalutate e meno controllate e solo da poco è stato riconosciuto come una minaccia per la salute e per il benessere psico-fisico. Oggi l’inquinamento e il disturbo da rumore sono finalmente parametri determinanti nella definizione della qualità ambientale e per questo l’Amministrazione ha predisposto da tempo un piano di contenimento che con l’approvazione di questo protocollo comprenderà anche la determinazione dei livelli sonori generati dal tpl integrandoli con quelli prodotti dal traffico veicolare privato.

“Conteniamo il rumore da traffico privato con misure tese a limitare l’uso dei veicoli, Area B, Area C e Zone 30. Questi sono alcuni degli strumenti efficaci che mettiamo in campo – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – consapevoli che il trasporto pubblico va sviluppato e i tram sono strategici oltre che caratteristici della nostra città. Oggi è possibile contenere il rumore anche di questi mezzi ma occorre un oggettivo censimento delle località e delle criticità e verificare di volta in volta gli accorgimenti migliori per ottenere un risultato soddisfacente per abbattere il rumore determinante a definire la qualità della vita di residenti e lavoratori”.

Con Atm, gestore del servizio di trasporto pubblico locale, saranno condivise la metodologia di studio e l’utilizzo dei dati che emergeranno; sarà quindi costituito un gruppo di lavoro coordinato dai tecnici dell’area Ambiente del Comune.

Il Comune, insieme ad Atm, è intervenuto sulle infrastrutture stradali e gli armamenti tramviari anche allo scopo di ridurre il rumore, per esempio in piazza Cinque Giornate, viale Monza e via Ornato dove il rifacimento del manto e la sostituzione dei binari ha permesso di adottare tecnologie di contenimento.

Il protocollo consentirà di effettuare un reale censimento e di verificare con quali modalità intervenire, per esempio, in viale dell’Innovazione in Bicocca - che ha un alto tasso di rumorosità per il passaggio del tram 7 -, corso Sempione (passaggio delle linee 1 e 10), piazza Leonardo da Vinci e via Bassini (19 e 33), via Ugo Bassi (33), via Adriano (96), via Anacreonte (56), via Beato Angelico (5), via Bramante (12 e 14), via Eugenio Quarti (67), via Ricasoli (4), via Torino (2, 3 e 14), corso XXII Marzo-viale Piceno (12 e 27), via Muggiano (63), viale Boezio (per il passaggio di tram storici). Inoltre risultano rumorose le vie adiacenti ai depositi delle vetture come le vie Procaccini e Tartaglia e via Pietro Custodi.

Commenti
    Tags:
    tram









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Riapre la discoteca del Just Cavalli Milano, meeting point deluxe
    Paolo Brambilla - Trendiest
    AUTOSTRADE E LA TRAPPOLA SEMANTICA
    Bepi Pezzulli
    Divani & Divani by Natuzzi fa sempre la differenza per innovazione tecnologica
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.