A- A+
Milano
Trenord rinnova tutta la flotta, Maroni vara un miliardo e 707 mln
Trenord: la presentazione del rinnovamento parco treni

di Fabio Massa

Una vera e propria rivoluzione. Trenord cambia completamente il proprio parco treni, rinnovamento totale. Età media dei convogli che scende da 18 anni a 12 anni. 160 treni che inizieranno ad arrivare tra due anni, con gare che partono subito. Investimento totale monstre: un miliardo e 600 milioni di euro.

Alessandro Sorte, l'assessore ai Trasporti è felicissimo: "E' la cosa più importante mai varata dalla Regione Lombardia. E' un emendamento che stravolge il sistema ferroviario lombardo. Lo facciamo oggi perché oggi ci sono le condizioni finanziarie per farlo". Precisa Fabrizio Garavaglia, l'assessore al Bilancio: "L'intervento ha una copertura integrale. Non ci sono problemi dal punto di vista della procedura e quindi si parte subito con le gare. In Regione Lombardia i conti sono solidi, e speriamo anche che il governo metta più soldi nel trasporto pubblico locale per riuscire ad aumentare ancora il numero di treni".

Roberto Maroni guarda la coppia Fnm-Trenord, rappresentata da Andrea Gibelli e Cinzia Farisè: "Abbiamo fatto una serie di incontri dopo le questioni relative ai problemi sorti nel trasporto ferroviario per colpa del caldo, che ha generato qualche disservizio. Da là è partita questa iniziativa di decidere che cosa fare, di investire sul futuro. L'approfondimento è stato rapido ma preciso, con un gruppo di lavoro composto da Sorte, Garavaglia, Andrea Gibelli, Cinzia Farisè e i tecnici regionali. Il governo ha messo a disposizione dei fondi che noi usiamo. Questo grande lavoro di approfondimento ci ha portato a questo risultato storico: un miliardo e 707 milioni, 160 treni. Si potevano seguire varie strade, ma la cosa fondamentale è che partono subito le gare. Avevamo pensato di noleggiare dei treni in disuso dalle ferrovie, ma abbiamo detto no: non vogliamo treni di seconda mano. Questo è quello che noi siamo, questa decisione è coerente in vista del referendum del 22 ottobre, del quale ho parlato oggi con Minniti. Potevamo fare la cosa più comoda: dare a Fs la maggioranza e che ci pensassero loro a investire. Ma sarebbe stata incoerente con la richiesta di maggiore autonomia che noi mettiamo alla base del referendum. Mi pare che questa sia la soluzione perfetta".

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
trenord nuova flottatrenord nuovi treniroberto maronialessandro sorte






A2A
A2A
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.