A- A+
Milano

Un dramma familiare finito con un omicidio suicidio, a colpi di pistola, in una clinica nel milanese. Un ex gioielliere di 76 anni ha ucciso la moglie di 79, che da due mesi si trovava ricoverata nella Residenza Sanitaria Assistenziale "Emilio Bernardelli" a Paderno Dugnano  per  una grave ischemia cerebrale. Poi l’anziano ha rivolto la pistola contro di sé. In un primo tempo i carabinieri, chiamati dai sanitari della struttura ospedaliera, hanno pensato che l’uomo si fosse suicidato con un colpo di pistola alla tempia dopo aver trovato la moglie morta nel letto. Poi però hanno notato il foro di un proiettile all’altezza del cuore della donna e hanno ricostruito quanto accaduto.

Nelle ultime settimane l’uomo era prostrato per le gravi condizioni della moglie, a cui era molto legato. Aveva passato il Natale senza di lei e l’idea di affrontare un nuovo anno da solo, senza la compagna di una vita, sapendola inchiodata priva di conoscenza in quel letto di ospedale gli era insopportabile. Intorno alle 11.30 è quindi andato nella struttura dove la donna era ricoverata da due mesi. Una volta nella stanza della donna ha estratto la pistola, una "38 special" che deteneva regolarmente dai tempi in cui faceva il gioielliere, e ha sparato due colpi al petto della moglie. Subito dopo ha rivolto l’arma verso se stesso, facendo fuoco una terza volta, alla tempia.

Tags:
mogliepaderno dugnanocomaclinica






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.