A- A+
Milano
"Udienza il 17? Porta sfiga": e il gup cambia data all'imputato

"Udienza il 17? Porta sfiga": e il gup cambia data all'imputato

Non era per venerdi' 17 ma il solo fatto che l'udienza potesse essere fissata comunque per un giorno 17 lo ha messo in allarme ed ha quindi chiesto al gup di cambiare data: "Dottore, per favore il 17 no, porta sfiga". E il magistrato ha accolto la richiesta, niente piu' udienza il 17 ottobre ma una settimana dopo, il 24 ottobre. E' accaduto al tribunale di Milano. L'imputato, di origine napoletana, deve essere giudicato in un processo per truffa per aver contraffatto una banconota da 50 euro, con la quale avrebbe pagato un bastone di valore. Nello stabilire la data dell'udienza pero' ha pregato il giudice di tenere in considerazione la sua scaramanzia. All'obiezione che comunque il 17 ottobre non sarebbe caduto di venerdi', l'imputato ha risposto: "Se fosse stato 17 venerdi' non sarei proprio uscito di casa". Di fronte a questa richiesta, il gup, accompagnandola con un sorriso, ha preso la decisione di escludere la data "funesta", spostando in avanti di una settimana la data dell'udienza.

Commenti
    Tags:
    udienza il 17scaramanzia tribunaletribunale milano







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
    Dario Ciracì
    il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
    Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
    Elena Vertignano


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.