A- A+
Milano

Alle 20.10 circa di ieri, con volo proveniente da Sarajevo via Vienna, è giunto a Fiumicino Milos Stizanin, il complice di Remi Nikolic nell'omicidio del vigile Niccolò Savarino, avvenuto il 12 gennaio del 2012. Nato in Serbia l'8 giugno del '93, Stizanin è stato estradato dalla Bosnia perchá colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 13 gennaeio 2012 dal gip del Tribunale di Milano Dr Giuseppe Vanore su richiesta del sostituto procuratore Mauro Clerici. Stizanin deve rispondere di favoreggiamento nell'ambito del procedimento concernente l'uccisione di Savarino.

Le indagini svolte dalla Squadra Mobile di Milano, con la collaborazione della Polizia Locale, oltre a permettere di localizzare e catturare in Ungheria l'investitore Nikolic, permisero l'individuazione di Stizanin quale passeggero della stessa auto. Le ulteriori attività investigative portarono a stabilire che Stizanin, dopo il fatto, aveva disincagliato dall'auto la bicicletta dell'Agente Savarino, aveva dissimulato l'autovettura investitrice parcheggiandola regolarmente tra le altre vetture in sosta in via Lancetti, ed infine aveva accompagnato Nikolic nell'espatrio clandestino, rendendosi a sua volta irreperibile. Ieri sera, al suo arrivo a Fiumicino, è stato preso in consegna dalla Polizia di Stato e portato a Rebibbia.

Tags:
vigileuccisoomicidio







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.