A- A+
Milano
Violentata a Milano, il gip: "Ha annientato la sua vittima"

Violentata a Milano, il gip: "Ha annientato la  capacità di difendersi della sua vittima"

Violentata da un 37enne marocchino che l'ha avvicinata all'uscita di una discoteca in corso Como a Milano. Uno stupro messo in atto con "allarmante disinvoltura" per "annientare qualsiasi" capacità di difendersi da parte della vittima. Lo scrive il gip di Milano Sara Cipolla nell'ordinanza con cui ieri pomeriggio ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere per Imad Bourchich, fermato domenica sera dalla Squadra mobile con l'accusa di aver stuprato, nella notte tra venerdì e sabato scorso, una giovane di 24 anni.

Il violentatore ha cercato di negare gli abusi sessuali commessi

Nell'ordinanza, con cui il giudice ha accolto la richiesta del pm Francesca Gentilini, si parla dello "spessore criminale" del 37enne, che, se non restasse in carcere, potrebbe fuggire perché ha già violato un ordine di espulsione, oltre al fatto che è "senza lavoro" e senza fissa dimora. E ha pure, scrive il gip, "contatti in ambito criminale". L'uomo, interrogato ieri, ha tentato di negare gli abusi sessuali commessi, secondo l'accusa, ai danni della giovane approfittando anche del fatto che il suo stato era alterato, avendo bevuto un paio di cocktail durante la serata.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
corso comomilanoviolenza sessuale







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.