A- A+
Politica
Anzaldi (IV) smentisce il Corriere. "Mai licenziato dal Pd. Mi sono dimesso".
L'On. Michele Anzaldi, Italia Viva

Il renziano Michele Anzaldi finisce crocefisso dal Corriere della Sera che non pubblica neanche la smentita del Deputato di Italia Viva nonché Segretario della Commissione di Vigilanza Rai. Il quotidiano più autorevole d'Italia pubblica un articolo scritto da Claudio Bozza dal titolo Passati con Renzi ma dipendenti Pd e Zanda li "licenzia", definendo l'On. Anzaldi non senza una certa ironia il "sorvegliante h24 di Tv, Radio e Giornali con piglio iper renziano", e raccontando di una presunta telefonata del Senatore (e Tesoriere Pd) Luigi Zanda al Segretario della Vigilanza nonché al funzionario Luciano Nobili. Secondo l'articolo, la telefonata del Senatore Zanda avrebbe avuto lo scopo di annunciare la "cacciata" dei due esponenti politici dal Partito Democratico, il tutto lasciando intendere che - seppur migrati nel partito di Matteo Renzi - essi avessero continuato a percepire emolumenti dalle casse dem.

Niente di più falso per l'On. Anzaldi che, in una lettera aperta a Dagospia, ha smentito il tutto dichiarando di essersi dimesso dal Pd fin dallo scorso 26 settembre, criticando il fatto che Il Corriere abbia pubblicato l'articolo di cui sopra senza verificare preventivamente la notizia e senza consultarlo direttamente. La lettera dell'On. Anzaldi a Dago, com'è ovvio, fa il giro del web e ci si aspetta che, alla luce di tutto ciò, il quotidiano di Urbano Cairo pubblichi la smentita. Niente di fatto. Nel frattempo, anche Luciano Nobili smentisce l'articolo di Claudio Bozza. A quel punto l'esponente dem Chiara Geloni, su Twitter, tagga Bozza chiedendogli se conferma quanto scritto. Il giornalista dà risposta affermativa e augura laconicamente buona giornata alla Geloni (che ricambia).

In questa movimentata telenovela, torna a esternare l'On. Anzaldi che, su Facebook critica aspramente Il Corriere della Sera, lodando l'ex Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti Enrico Paissan che ha stigmatizzato l'accaduto su Facebook, e chiamando in causa l'attuale presidente dell'Ordine Carlo Verna. "Perché non dice nulla?" si domanda Il Segretario della Vigilanza Rai. "I lettori non hanno diritto a un'informazione corretta? E non ha diritto il sottoscritto, come giornalista iscritto all'Ordine prima ancora che Deputato, visto che si parla di attività professonale?". La diatriba continua. 

 

Loading...
Tags:
michele anzaldicorriere della seraluigi zandamichele anzaldi matteo renzimichele anzaldi italia vivamichele anzaldi luigi zandaluigi zanda tesoriere railuciano nobilienrico paissancarlo verna
Loading...
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Ipotesi plexiglass in spiaggia Greta: "Me volete fa inc...?"

Coronavirus vissuto con ironia

Ipotesi plexiglass in spiaggia
Greta: "Me volete fa inc...?"

i più visti
in vetrina
DILETTA LEOTTA, BIKINI E LATO B MOZZAFIATO: LE FOTO PAPARAZZATE

DILETTA LEOTTA, BIKINI E LATO B MOZZAFIATO: LE FOTO PAPARAZZATE


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Jeep® Compass: con il tricolore nel DNA

Nuova Jeep® Compass: con il tricolore nel DNA


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.