A- A+
Politica
Autonomia-presidenzialismo più vicini: Meloni definisce l'iter delle riforme

Riforme autonomia a  presidenzialismo sempre  più vicine: il punto 

Le riforme su autonomia differenziata e presidenzialismo mettono il turbo:  al vertice di governo che si è tenuto a Palazzo Chigi si è stabilito, riferiscono fonti dell'esecutivo, di definire il cronoprogramma sullo status di Roma Capitale e sulla riforma in senso presidenziale dello Stato.

Intesa nel governo per il via libera preliminare al disegno di legge sull'autonomia differenziata "nelle prossime riunioni del Consiglio dei ministri". L'approvazione dovrebbe arrivare al termine di un percorso che prevede riunioni tecniche, la prima in programma martedì, e approdare al primo ok entro il 12-13 febbraio, data delle Regionali in Lombardia, dove la Lega dal 2017 lavora al progetto. In sede di esecutivo si tratta di un voto preliminare che dovrebbe, ha spiegato nei giorni scorsi Roberto Calderoli, essere sottoposto al parere della Conferenza delle Regioni e poi tornare in Cdm per l'approvazione definitiva prima di approdare in Parlamento.

L'intesa è arrivata durante una riunione tra il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, i vice premier Antonio Tajani e Matteo Salvini, e i ministri Calderoli, Elisabetta Casellati, Raffaele Fitto e Francesco Lollobrigida a Palazzo Chigi. Durante l'incontro si è registrata "grande sintonia, in linea con gli impegni assunti con gli italiani e definiti nel programma di coalizione", ha sottolineato Palazzo Chigi, in una nota. "Si è definito il percorso tecnico e politico per arrivare, in una delle prossime sedute del Consiglio dei ministri, all'approvazione preliminare del disegno di legge sull'autonomia differenziata", si è precisato. "Al tavolo si è stabilito, inoltre, di definire il cronoprogramma sullo status di Roma Capitale e sulla riforma in senso presidenziale dello Stato", si è aggiunto citando le due riforme care a Fratelli d'Italia.

"Obiettivo del governo è mantenere gli impegni presi con i cittadini nel più breve tempo possibile, col più ampio coinvolgimento del Parlamemto e delle forze politiche", si è concluso sgomberando i timori di un mancato coinvolgimento della Camera nel progetto di autonomia leghista. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
autonomiapresidenzialismo





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.