A- A+
Politica
Crisi Energia, Cingolani: “Sul price cap al gas ancora discussioni in Ue”
Cingolani durante il Consiglio Energia informale a Praga

Price cap: Unione Europea divisa tra nord e sud

 

L’Europa si spacca in due sulla crisi energetica. Mentre sul "disaccoppiamento" del prezzo del gas da quello dell'elettricità si riscontra coesione tra i ministri Ue e la Commissione "si sta muovendo in quella direzione", sul tetto al prezzo del gas "ci sono diverse possibili soluzioni e dobbiamo essere molto attenti" per preservare "la solidarietà e la collaborazione" tra gli Stati membri, ha detto il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, a margine del Consiglio Energia informale a Praga.

"Concordiamo sulla diagnosi, ma la terapia è ancora in discussione", ha aggiunto. "Facciamo progressi, ma niente è definito". Nel Consiglio di oggi "ci aspettiamo altri progressi, ma è un percorso lungo, ci vuole un po' di pazienza per avere risultati", ha concluso. 

La spaccatura in seno all’Ue è su base geografica. Da una parte ci sono i Paesi meridionali, guidati da Italia, Spagna e Grecia, che premono per riforme più incisive (da mesi ormai) comprendenti un price cap al gas e una riforma del mercato dell'elettricità. Dall'altra ci sono i nordici, guidati ovviamente da Germania e Paesi Bassi, che invece vorrebbero intervenire senza stravolgere lo status quo.

La prima rottura è emersa con la proposta di un tetto al prezzo del gas generalizzato, avanzata in una lettera siglata da ben quindici Paesi: Belgio, Bulgaria, Croazia, Francia, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia e Spagna. Contrari invece: Germania, Paesi Bassi, Austria, Lussemburgo, Ungheria. 

In un secondo passaggio, frutto dei negoziati, è emersa una nuova proposta di un price cap dinamico, avanzata questa volta da Italia, Polonia, Belgio e Grecia. Una proposta che trova anche il sostegno della Spagna. In sostanza propongono un price cap con un valore centrale (che tenga conto di altri indici quali petrolio, carbone e/o prezzi del gas in Nordamerica e Asia) e che possa avere delle fluttuazioni (ad esempio del 5%) dettate dalle variazioni di domanda e offerta. 

La risposta è arrivata con un altro documento, firmato da Germania e Olanda, dove il price cap sul gas viene considerato solo per il gas russo da gasdotto. Preferiscono i negoziati diretti con i fornitori, in primis con la Norvegia. Che ovviamente è contraria al price cap.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cingolanicrisi energeticagasprice cap





in evidenza
Ferragni-Fedez, storia al capolinea Il rapper sarebbe già fuori casa

Le ultime indiscrezioni

Ferragni-Fedez, storia al capolinea
Il rapper sarebbe già fuori casa


in vetrina
Prime lancia lo spin-off di Lol, "Angioni futuro della comicità". Intervista ai giudici

Prime lancia lo spin-off di Lol, "Angioni futuro della comicità". Intervista ai giudici


motori
Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.