A- A+
Politica
Di Battista: "La più grande sconfitta dei 5S. Referendum? Troppo entusiasmo"

"Io credo che sia stata la più grande sconfitta della storia del Movimento 5 Stelle". Lo dice sulle elezioni regionali Alessandro Di Battista in una diretta Fb. "Abbiamo perso ovunque, sia che andassimo da soli o in coalizione", afferma, come riporta l'Adnkronos. "Se c'è una cosa sgradevole del giorno dopo le elezioni è che sembra sempre abbiano vinto tutti. Così non è, occorre affrontare la realtà con onestà intellettuale e lucidità", esordisce.

"Partiamo dal referendum: io ero molto scettico sulla possibilità di portare a casa queste riforme. Il 70% dei voti del referendum non possono essere considerati solo un successo del Movimento 5 Stelle. Occhio, ci andrei molto cauto: rischiamo di commettere un errore. Se il 70% ha votato sì, vuol dire che il quesito era giusto, comprensibile. Gli italiani hanno apprezzato che si intervenisse in maniera precisa e puntuale sul calderone. Ma è altrettanto vero che tante persone che hanno votato sì non apprezzano il Movimento, magari lo detestano. Un eccesso di esultanza è fuorviante, non credo sia giusto", afferma.

"Passiamo ai risultati del Movimento 5 Stelle: io credo che sia stata la più grande sconfitta della storia del Movimento 5 Stelle. In Campania passiamo dal 17% al 10%, due anni fa il Movimento in Campania sfiorò il 50% alle Politiche, abbiamo eletto decine di parlamentari. E' campano il ministro degli Esteri, è campano il presidente della Camera, è campano il ministro dell'ambiente, è campano il ministro dello Sport", prosegue.

"In Puglia, dove c'erano candidati facilmente colpibili sulla questione del voto clientelare, siamo passati dal 17% al 10%. In Puglia ci sono andato io, abbiamo straperso -osserva ancora-. In Liguria siamo andati in coalizione con il Pd, siamo passati dal 22,3 al 7,8. Nelle Marche, da soli, passiamo dal 19 al 7%. In Veneto c'è un'enorme debacle: si passa dal 10,4 al 2,7, da 5 consiglieri regionali a zero, non potremo fare nemmeno opposizione". "In questo momento, parlare di alleanze è profondamente sbagliato", dice allargando il discorso. "Non è questo il tema del momento, il tema principale è la crisi identitaria del Movimento: è innegabile, non si tratta di essere disfattisti. Il sogno al quale hanno creduto tante persone oggi è in crisi, tantissime persone non ci credono più. Molti non sanno perché votare il Movimento, che si indebolisce sempre più: questo mi preoccupa".

"Tra 2 anni e mezzo, quando si rivoterà, sarà più facile la restaurazione. E' vero che il Movimento ha commesso errori e determinate promesse non le ha realizzate, ma abbiamo fatto tanto cose buone e ho paura che verranno cancellate", dice guardando al futuro in cui "i portavoce futuri del Movimento in Parlamento assisteranno quasi muti allo smantellamento di una serie di successi portati a casa in questi anni". "Non è questione di nomi -sottolinea- ma di identità, che si ricostruisce esclusivamente attraverso gli Stati Generali. Tutti si devono poter esprimere per una nuova agenda per ricostruire la comunità. Se se ne vanno gli attivisti, non resta niente". "Il problema non è nemmeno la leadership forte, come qualcuno ha detto. La leadership forte c'è stata e il Movimento ha dimezzato i voti, con una sconfitta epocale alle Europee. Non si tratta di essere disfattisti, abbiamo perso dovunque -ribadisce-: dove sono andato io, dove non sono andato, dove abbiamo fatto i moderati, dove abbiamo fatto i duri e puri, dove abbiamo fatto una coalizione. Evidentemente c'è un problema se i cittadini non partecipano più al progetto. Non si può nascondere la polvere sotto il tappeto". La soluzione sono "gli Stati Generali, senza blitz, senza cambiamenti di organi collegiali, il 'chi' viene dopo. Si può mettere De Gaulle a capo del Movimento, e nessuno lo è, ma senza identitià non si prendono voti".

M5s: Fico, sbagliato dare colpa crisi solo a qualcuno

"E' inutile pensare di dare colpe a qualcuno: si sta assolutamente sbagliando perche' il Movimento e' arrivato qui per merito e colpa di tanti, la responsabilita' e' assolutamente collettiva". Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, parlando con i giornalisti a Montecitorio per commentare il voto. "E' chiaro che gli Stati generali arrivano in ritardo, ma non c'e' una colpa di qualcuno e lo dico onestamente", ha aggiunto Fico. "Voglio sinceramente ringraziare Vito Crimi e il lavoro che sta facendo, un lavoro di dialogo con tutti gli attori in campo, un lavoro faticoso, e sta al capo politico ora convocare gli Stati generali, ma dovra' essere un Movimento in cui nella collegialita' ritrova passione e identita'", ha aggiunto. "Gli Stati generali non si devono risolvere in una giornata spot ma devono essere Stati generali permanenti".

Per Fico "gli Stati generali non devono essere una guerra tra bande, come leggo da qualche parte, ma qualcosa di piu' alto e vero, il luogo in cui riunirci per confrontarci e guardarci in faccia e organizzare i prossimi anni del Movimento. Non c'e' una guerra tra governisti e puristi, altrimenti non servono gli Stati generali. Io sono convinto che il M5s va avanti", "sara' un percorso duro e ci saranno contrasti ma nessun percorso di cambiamento non e' duro", ha aggiunto.

"Ridimensionare Rousseau? Quando dico che agli Stati generali si dovra' parlare di tutto, intendo veramente di tutto, quindi si parlera' anche di questo". "Noi siamo stati e siamo un Movimento e ci definiamo post-ideologici ma nel frattempo la storia nel breve periodo e' cambiata quindi forse potremmo definirci oggi ideologici visto che il mondo sta cambiando?".

"Se non riesci a gestire il cambiamento finisci, ed e' quello che dobbiamo chiederci: come il Movimento cambia in un mondo che e' cambiato e non e' un tabu' oggi dirci ideologici", ha detto il presidente della Camera. Alla domanda se M5s potrebbe collocarsi nel campo progressista, la terza carica dello Stato ha replicato: "Anche di questo discuteremo negli Stati generali e li' dovremo chiederci come sta cambiando il mondo e come il Movimento cambia insieme al mondo".

Loading...
Commenti
    Tags:
    di battistaficodi battista referendumdi battista regionali
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Classe G festeggia 400.000 unità prodotte dal 1979

    Mercedes Classe G festeggia 400.000 unità prodotte dal 1979


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.