A- A+
Politica
Giarrusso: "Anch'io avvicinato dagli emissari del Qatar. Insospettito da..."
Dino Giarrusso

E una volta tornati alla normalità post-Covid cosa è successo?
"Nel frattempo erano arrivate notizie dagli osservatori internazionali sulle pessime condizioni di lavoro (di fatto quasi una riduzione in schiavitù) cui venivano costretti gli immigrati in Qatar, e delle morti nei cantieri. Dunque, se prima quell’atteggiamento tanto seduttivo quanto autoassolutorio mi puzzava un po’, dopo aver letto i report indipendenti - molto dettagliati e autorevoli - ho deciso  di chiudere ogni tipo di rapporto con i rappresentanti del Qatar".

Le hanno mai fatto offerte esplicite?
"No, appunto, ho evitato in ogni modo anche di dargliene occasione. La mia dignità ed il patto di lealtà fatto coi cittadini non ha prezzo, non tradirei loro né me stesso per nessuna cifra e nessun regalo. Ritengo sbagliato in assoluto accettare regali costosi (anche vacanze) quando si svolge un ruolo istituzionale, ma ritengo vomitevole e indegno far guidare la propria attività parlamentare (discorsi in plenaria, risoluzioni, emendamenti, voti, etc) da interessi che niente hanno a che fare coi valori cui abbiamo giurato fedeltà".

Pensa che possano esserci altri eurodeputati, italiani o stranieri, coinvolti?
"Questo lo scopriranno gli inquirenti, lo vedremo. Io da quando sto qui non faccio più inchieste giornalistiche perché ho un altro ruolo e devo rispettarlo con onore e il massimo impegno. Vorrei però fosse chiaro che è normale, anzi necessario, avere rapporti coi funzionari di paesi terzi, ma anche delle regioni italiane (quasi tutte hanno uffici in sede UE) o dei lobbisti che qui devono camminare con un badge che li identifichi subito. Il problema è quando pieghi la tua attività alle “offerte” che quei portatori di interessi possono farti: lì sei responsabile di corruzione e di tradimento verso i tuoi elettori. Certo non mi aspettavo dei sacchi di soldi in casa della vicepresidente del Parlamento, né dover dedurre che interventi in plenaria dove veniva esaltato il Qatar nel campo dei diritti umani potevano essere frutto di dazioni di denaro così spaventose. Questo è il tradimento totale del nostro ruolo: se uno di noi smette di dire ciò che pensa perché viene pagato da qualcuno, è finito il senso stesso del Parlamento".

Onorevole, si è fatto ritrarre nell'ultima plenaria con suo figlio in braccio. Che cosa significava?
"Era una foto di buon auspicio, fatta proprio per ribadire l'importanza dei diritti umani, infatti avevo al braccio la fascia “One Love” che la FIFA aveva assurdamente imposto di togliere ai calciatori pena la squalifica. Il futuro dei nostri figli, la qualità della loro vita, dipende moltissimo dal rispetto dei diritti umani e da ciò che noi sapremo fare, in parlamento europeo o in qualunque altra istituzione. Forse non ci rendiamo conto di come lavorare con onestà, per il bene dei  nostri figli, sia estremamente più utile e prezioso di qualunque sacco pieno di soldi".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
dino giarrusso qatar tangentiqatar gateqatar-gate





in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.