A- A+
Politica
Draghi dà l'addio al governo: “Mesi straordinari, contento del lavoro svolto"
Saluti del Presidente del Consiglio, Mario Draghi ai Giornalisti 

Il premier dimissionario Mario Draghi ringrazia la stampa: “Mesi straordinari. Sono soddisfatto del lavoro svolto”

"Vi rivolgo un ringraziamento sentito; voi in questi 20 mesi, tra pandemia e crisi energetica, avete svolto un servizio straordinario ai cittadini aiutandoli a seguire e comprendere ciò che avviene”. A dirlo è il premier uscente Mario Draghi, durante il saluto di oggi, mercoledì 19 ottobre, alla stampa a Palazzo Chigi.

Dispensa sorrisi, si fa ritrarre anche in una foto ufficiale circondato dai giornalisti, ma evade le domande, anche quella sul futuro dell’Italia. Risponde solo a chi gli chiede della sua esperienza di governo: “Ho imparato molte cose, è stata una esperienza straordinaria di cui sono molto contento. Finisce in modo molto soddisfacente, con la buona coscienza del lavoro fatto, che è la cosa più importante”.

Quello di oggi nella sala Verdi di Palazzo Chigi, allestita per l'occasione con tanto di spumante, pizzette e tramezzini, è insomma solo un saluto; dopo il pranzo al Quirinale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier dimissionario terrà alle 16.30 il suo ultimo Consiglio dei ministri, per poi partecipare tra domani e dopodomani al Consiglio europeo di Bruxelles.

Governo, Draghi ai giornalisti: "Libertà di stampa al servizio alla democrazia"

Draghi pone poi l'accento sulla “stampa libera", che è "un servizio alla democrazia; da parte mia ho profondo rispetto – e aggiunge – È stata una collaborazione piacevole anche dal punto di vista umano, ora riconosco molti dei vostri volti. Nessuno si aspettava che avremmo fatto tante conferenze stampa che duravano ore indefinite, poi io venivo rimproverato perché non riuscivo a dire basta alle domande”. Infine ringrazia lo staff di comunicazione di Palazzo Chigi, soprattutto per la campagna di comunicazione sul Pnrr "che è stata e sarà molto importante".

Un cronista, sollecitato dalla portavoce Paola Ansuini, esprime la gratitudine per i weekend lasciati spesso "liberi", perché Draghi ha sempre preferito portarsi il lavoro a casa, il più delle volte nella residenza umbra di Città della Pieve. "Eravate contenti quando non c'ero" scherza il premier, allontanandosi con un ultimo saluto all'insegna dell'ironia: "E mi raccomando: non applaudite".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
draghigiornalistigovernoringraziamentosalutostampa





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.