A- A+
Politica
Elezioni Torino, com'è strano votare in una città in cerca di vocazione

Ti accorgi che si stanno avvicinando le elezioni amministrative a Torino, perchè si asfaltano le buche, si rifanno le strisce sulle strade, si taglia l'erba nei controviali e spuntano immancabilmente i faccioni ammiccanti dei candidati sui cartelloni pubblicitari. Non succede solo a Torino, per carità, ma qui un certo tempismo si scontra con la rigida diffidenza sabauda.

Un'altra solida certezza è che le elezioni d'autunno sotto la Mole si stanno vivendo con un incomprensibile distacco. La sindaca Appendino ha fatto un garbato passo indietro, mentre gli ultimi sondaggi danno il centrodestra leggermente avanti, rispetto al centrosinistra, la Lega in calo e, per contro, Fratelli d'Italia in vigorosa ascesa. Gli analisti del pallottoliere sostengono che il binomio PD-M5S vincerebbe a mani basse al primo turno. Del resto non tutti sono proprio convinti che l'opinione dei torinesi su Appendino sia veramente così negativa, come una certa narrazione vorrebbe far intendere. Una tesi avvalorata anche dalla consapevolezza bipartisan che oggi Torino non sia propriamente una terra di giganti.

La stessa viceministra all'Economia Laura Castelli, in un'intervista al quotidiano La Stampa, ha esortato a guardare avanti con un certo piglio marketing, perchè "bisogna allearsi e lavorare insieme" e "allargare l’offerta" con l'obiettivo di scongiurare il rischio di consegnare la città alle destre. Non è certo l'unica a pensarla così. Ora bisogna trovare una quadra sui candidati che nella geometria della politica non è mai così semplice.

Al posto dell'Appendino, i Cinquestelle hanno puntato sull'assessore uscente Alberto Unia. Dopo il ritiro del candidato Salizzoni, il Partito Democratico sembra giochicchiare intorno a Stefano Lo Russo, numero uno del PD a Palazzo Civico, magari saltando le primarie. Sicuramente non aiuta la distrazione dei vertici nazionali su questa partita che sta assumendo i contorni sempre più inquietanti dell'ennesimo errore madornale. Come diceva l'avvocato Juanin Agnelli, detto "Lamiera": quello che è male per Torino è sempre male per l'Italia.

Sul fronte opposto quel simpatico becchino di Antonio Tajani, come lo battezzò qualche tempo fa Elisabetta Gardini,  si è presentato in una popolare trasmissione del pomeriggio Rai per scaricare Claudia Porchietto e benedire come candidato sindaco il più civico Paolo Damilano, molto gradito alla Lega.

Nelle ultime ore anche Davide Betti Balducci, Presidente Nazionale Diritti e Libertà per l'Italia, già collaboratore dell'ex Assessore ai diritti civili della Regione Piemonte, Roberto Rosso, ha lanciato la sua candidatura a sindaco di Torino con il Partito Gay per i diritti Lgbt+, Solidale, Ambientalista e Liberale. Educato ai valori cristiani, entra in Forza Italia ancora minorenne e ora si candida nel solco della tradizione che vide 50 anni fa nascere, proprio a Torino, il F.U.O.R.I. (Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano), primo movimento per i diritti LGBT+ della storia. Veramente tanta roba. 

Per una città che sta cercando da decenni di ricostruirsi una vocazione, non poteva mancare anche la candidatura di Massimo Giuntoli, presidente dimissionario dell'ordine degli architetti di Torino. È partito subito con il giusto approccio da carpentiere costruttivo, confermando la sua disponibilità a correre in una coalizione civica allargata al Pd, al M5S e a tutta la sinistra. Tutto questo solo a patto, però, che non si candidi il rettore del Politecnico Guido Saracco. Una discriminante che non è figlia della polemica, ma solo del rapporto di stima e amicizia che li lega. Evviva.

Comunque vada, il sindaco che verrà si porterà il peso del rinascimento di Torino che, dalle Olimpiadi del 2006 in avanti, è stato finanziato a debito. Quattro miliardi per la precisione. Il suo pagamento è la seconda voce dopo i costi di personale, come ha tuitterato la stessa Appendino. Mai come in questo caso, si addice al futuro sindaco il famoso detto, ogni promessa è debito.

Commenti
    Tags:
    torinoelezioniappendinopdm5slegafratelli d'italia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    A una splendida Monica Bellucci il David alla Carriera 2021

    Spettacoli

    A una splendida Monica Bellucci il David alla Carriera 2021

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, primavera maledetta: da martedì temporali per tutta la settimana

    Meteo, primavera maledetta: da martedì temporali per tutta la settimana


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes svela il Concept EQT

    Mercedes svela il Concept EQT


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.