A- A+
Politica
Governo, "togliere lo sconto sulla benzina è stata una mossa popolare"

Alla domanda se non tema la rivolta sociale, Fazzolari risponde: "Questo governo finora si è mosso prevalentemente a favore delle classi disagiate. Quanto alla recessione, non aiuta certo la decisione della Banca Centrale Europea di aumentare i tassi. L'impennata dei prezzi oggi non è legata a una fase espansiva dell'economia ma è dovuta soprattutto al rincaro delle materie prime. Alzare i tassi contrasterà poco l'inflazione, in compenso frenerà l'economia".

E l'Europa, dopo l'incontro di ieri Meloni-Von der Leyen? "I rapporti sono buoni, altrimenti l'Italia non sarebbe riuscita a portare a casa l'intesa sul tetto europeo ai prezzi, al quale lavorava l'ex premier Draghi e che è stato a lungo osteggiato proprio dalla Germania e dall'Olanda. Abbiamo portato a casa l'intesa, che ha subito fermato la speculazione, fatto scendere il prezzo del gas a 90 euro, malgrado il tetto sia fissato a 180, e porterà ribassi in bolletta visibili nel giro di un paio di mesi, perché siamo riusciti a mettere in minoranza i falchi europei facendo asse con i Paesi dell'Est e del Mediterraneo. Una cosa che il Pd non si sarebbe mai azzardato a fare, visto la sua subalternità a quella che loro chiamano pubblicamente l'Europa di serie A».

"Di certo l'Italia della Meloni non è fuori dall'Europa, come pronosticava la sinistra. Non è un mistero che Fdi sta lavorando per spostare l'asse dell'Unione Europea, dopo le elezioni del 2023 e in caso di un crollo dei socialisti, verso una nuova maggioranza che nasca da un'intesa tra il Partito Popolare e i Conservatori, attualmente presieduti dal nostro premier". Così si rischia una rottura con Francia e Germania? "Non vedo questo pericolo. La Germania, esprime il presidente del Ppe e a Bruxelles il gruppo di Macron non sta a sinistra. Francia e Germania sono alleati fondamentali dell'Italia e i legami tra i nostri Paesi e i nostri popoli sono preziosi. Ma è tempo che l'Italia torni a realzionarsi senza complessi di inferiorità con i suoi partner europei, anche nell'interesse dell'intera Unione".

Bocciata poi la proposta di Silvio Berlusconi. "Leggo che si parla di un partito unico del centrodestra, ma francamente mi sembra un discorso quantomeno assolutamente prematuro e personalmente non sono convinto che, nel complesso, sia un grande affare per nessuno di noi. Il centrodestra, tradizionalmente, ha sempre tratto la propria forza elettorale dal fatto di essere unito nelle proprie divisioni. Fdi, Lega e Forza Italia sono entità diverse, con le loro specificità, che sono importanti e alle quali gli elettori sono legati. Un partito unico adesso mi sembra che porterebbe confusione, anziché semplificare il quadro".

Bicamerale per il presidenzialismo? "La Bicamerale ha senso se l'opposizione sta al gioco e dà il suo contributo con spirito collaborativo, altrimenti è solo una perdita di tempo".. E ancora: "L'autonomia è oggi una battaglia della Lega come di Fdi, le cose non sono più come cinque anni fa, anche perché il contenuto è stato meglio definito e la narrazione è cambiata: siamo tutti d'accordo di dare maggiori competenze alle Regioni che hanno dimostrato di saper spendere bene le loro risorse».

Infine le critiche sulle nomine... "Sono critiche che confermano quanto denunciato dalla Meloni in campagna elettorale: il Pd non è più una forza politica, si è ridotto a un sistema di potere, che ingaggia le battaglie più tenaci proprio quando qualcuno lo minaccia. Non vogliamo sostituire il sistema di potere del Pd con un sistema di Fdi ma solo mettere il più capace in ogni posto, a differenza di quanto fanno i dem, che piazzano solo i loro, come la furente reazione che stanno avendo dimostra. È la legge Bassanini, ex ministro dem, che ce lo consente: nomineremo chi meglio potrà portare avanti le indicazioni del governo nei vari campi. I dem fanno battaglie epocali solo quando tocchi i loro interessi, lo si è visto con il contante".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fazzolari governo





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


motori
Renault: nuova 5 E-Tech Electric: ordinabile in Italia le prime due versioni

Renault: nuova 5 E-Tech Electric: ordinabile in Italia le prime due versioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.