A- A+
Politica
Governo, la Lega perde sul coprifuoco e vince sugli indennizzi
lapresse

Sulle riaperture e sul coprifuoco vince la linea della prudenza. La linea del Pd e del ministro della Salute Roberto Speranza. Tutto immutato fino a lunedì 24 maggio e nessuna novità dal 17 come invece veniva ipotizzato fino a pochi giorni fa. Alla fine - spiegano fonti di governo - il premier Mario Draghi ha scelto la strada della cautela per due motivi: il primo è sanitario e riguarda il timore di una seconda ondata in autunno, considerando che ancora non è chiaro quanti mesi duri la copertura dei vaccini; il secondo è economico. Francia e Germania non hanno seguito la linea soft della Spagna e sono estremamente prudenti e il presidente del Consiglio ha deciso di allinearsi a Parigi e Berlino dopo aver letto report economici provenienti anche dal Regno Unito e dagli Usa che suggeriscono di procedere con prudenza onde evitare passi falsi e contraccolpi pesantissimi per il sistema economico dopo l'estate.

Formalmente, dunque, Matteo Salvini e la Lega sono usciti sconfitti da questa partita: nulla cambia da lunedì 17 e soprattutto non ci sarà l'abolizione del coprifuoco, ma soltanto uno spostamento probabilmente di un'ora alle 23. Ma, come spiegano fonti qualificate sia del Carroccio sia del Pd, grazie alla mediazione e al lavoro del ministro Giancarlo Giorgetti, che ha chiesto a Salvini di non sparare contro la linea della cautela sulle riaperture decisa da Palazzo Chigi, la Lega si prepara a ottenere una contropartita sul prossimo Decreto Sostegni, il bis, in arrivo la prossima settimana. "Molte delle richieste dei ministri e dei rappresentanti leghisti sono state accolte", spiega una fonte che sta lavorando direttamente alla preparazione del provvedimento economico.

In sostanza, nei nuovi indennizzi per le categorie e le aziende, Partite Iva in testa, maggiormente colpiti dalle restrizioni, giocheranno un ruolo determinante nel calcolo i costi fissi (novità rispetto ai ristori dell'epoca Conte) e il confronto della perdita sul totale del fatturato realizzato nell'intero 2020. Due elementi molto importanti soprattutto per piccoli imprenditori, artigiani e commercianti, ovvero la pancia del bacino elettorale del Carroccio. Non solo. Malgrado le resistenze del ministro dell'Economia Daniele Franco, sul tema delle cartelle esattoriali - spiegano altre fonti della maggioranza - "ci sarà un ulteriore intervento nella direzione delle richieste della Lega", ovvero il saldo e stralcio e la dilazione dei pagamenti e non soltanto i continui rinvii di mese in mese. Insomma, la Lega incassa il colpo su riaperture e coprifuoco, ma si prende la rivincita sulle misure economiche e sui nuovi indennizzi.

Commenti
    Tags:
    governo salvini giorgetti draghigoverno lega
    Loading...
    in evidenza
    Covid vissuto con ironia

    Guarda la gallery

    Covid vissuto con ironia

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, quando fresco e temporali? Al Nord presto, ma al Centro-Sud...

    Meteo, quando fresco e temporali? Al Nord presto, ma al Centro-Sud...


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.