A- A+
Politica
Grecia, ecco quello che il governo Renzi non ci ha detto

Il salvataggio della Grecia costa caro ai contribuenti italiani. Nuova mazzata da 15 miliardi, altri 400 euro a testa. Questo perlomeno secondo i conti fatti da Il Giornale che spiega che i fondi di 86 miliardi previsti dal nuovo piano di salvataggio approvato dall'Eurogruppo saranno versati dal Mes (meccanismo europeo di stabilità), vale a dire il Fondo salva Stati.

L'Italia è chiamata a partecipare per una quaota del 17,9%. Ciò significa che il nostro Paese dovrà prestare ad Atene altri 15,4 miliardi (e chissà se mai li rivedrà). Un conto pari a 385 euro per contribuente. Una cifra davvero importante se si considera che l'Italia vanta già un credito di 65 miliardi nei confronti della Grecia. L'abbassamento dello spread e il calmieramento del costo del debito pubblico consolano solo in parte. Ancora una volta dovremo aprire il portafoglio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
greciasalvataggio
in evidenza
Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

Grandi manovre a gennaio

Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.