A- A+
Politica

di Cosimo Scarcella

Forse è giunto il tempo d’accogliere un suggerimento di Giulio Andreotti: “A parlare male si fa peccato, ma di solito si indovina”. Ai nostri giorni la scena politica italiana sembra ripercorrere il clima degli anni 1919- 1922, e quella mondiale sembra richiamare scenari degli anni precedenti il secondo conflitto mondiale. Dopo il primo conflitto mondiale in Italia, infatti, dominò la sfiducia nel Parlamento, impotente a legiferare e ridotto di fatto a ruolo di pura figura; l’autorevolezza della stessa Monarchia aveva perduto ogni valore. Nessuno immaginava ciò che aspettava l’Italia; nemmeno Benedetto Croce intuì subito la gravità della situazione: se ne accorse solo dopo il discorso di Benito Mussolini al Parlamento il 5 gennaio 1925. Ai nostri giorni assistiamo a un Capo del Governo che “non accetta lezioni da nessuno”; che, suscettibile ad ogni osservazione, potente “rullo compressore” non sospetta nemmeno che possa imbattersi in qualche pericolosa voragine; che ‘oscura’ chiunque possa farlo apparire ‘secondo’ e dà, invece, visibilità a chiunque gli dà sicura e piena solidarietà; che decide e impone – ovviamente “per il bene dell’Italia” come lo vedono lui e il suo palazzo - i suoi programmi, misconoscendo il diritto almeno d’interpellare gli interessati; che reputa oltraggio e chiama ricatto ogni richiesta che non sia stata prevista e offerta da lui; che ritiene vittoria nazionale ciò che è puntigliosa pretesa del “suo” potere. E’ ora, quindi, di prestare attenzione al monito del Divo Giulio: è preferibile pensare e parlare male facendo peccato, anziché correre certi rischi! La scena mondiale, poi, presenta la follia del potere politico ed economico molto simile a quella del 1939: impossessarsi di territori ritenuti strategici, ostentare minacciosa forza militare, ricattare gli altri con vendette di natura economica. Non erano le stesse insanie del nazismo e del fascismo? Oggi esagerazioni e fantasmi fatui? Sembra, comunque, che si stia ai limiti massimi dell’equilibrio morale e politico e che sia davvero attuale la necessità di grande attenzione e vigilanza. La febbre del potere rischia di far perdere lucidità e onestà, facendo apparire come vero ciò che è solo fantasticheria lontana dalla quotidianità, che vive ogni cittadino. Da parte nostra ci schieriamo con Erasmo da Rotterdam: “Vengano resi i massimi onori – esorta nel Lamento della pace - a chi ha contribuito a tener lontano la guerra, a chi ha ristabilito la concordia con la sua intelligenza o il suo discernimento”.

Tags:
dittatura
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo

Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.