A- A+
Politica
Da oggi la Lega è meno "salviniana" e più "giorgettiana"


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Matteo Salvini è tutti i giorni in tv. Parla, posta e twitta. Tutti lo conoscono, c'è chi lo ama e chi lo odia. Ma nel Carroccio c'è qualcuno che prende le decisioni chiave, ovviamente insieme al segretario federale che detta la linea, come si è visto nelle ultime ore. Stiamo parlando di Giancarlo Giorgetti, la vera mente della Lega. L'ex presidente della Commissione Bilancio della Camera, storico bossiano e poi salviniano (ma mai maroniano), è stato determinante nelle ultime scelte leghiste. L'ingresso di Barbara Saltamartini, ex portavoce dell'Ncd, nel gruppo leghista della Camera è stato preparato per settimane proprio da Giorgetti. Studiato nei minimi dettagli, organizzato e portato a termine con successo, nonostante qualche malumore tra i militanti duri e puri. Non solo. Giorgetti è stato determinante per il ritorno dell'asse con Forza Italia e Silvio Berlusconi. Mentre Salvini era impegnato negli studi televisivi, tra Ballarò e Porta a Porta, il Gianca (come lo chiamano i leghisti) trattava con Deborah Bergamini e Giovanni Toti. E così si è arrivati all'intesa, dolorosa per la rinuncia alla Liguria, ma con la corsa solitaria in Toscana, Marche e Puglia e con l'appoggio di Fi a Zaia in Veneto. Giorgetti non è Salvini. Anzi, è l'opposto del segretario. Schivo e introverso (non parla mai con i giornalisti), è un politico abile e astuto e con la sua impronta la Lega si allontana dal lepenismo (il Front National in Francia non si alleerebbe mai con l'Ump di Sarkozy) e sceglie il pragmatismo e la real politik. Forse nel breve termine può costare voti al Carroccio, specie in Liguria e soprattutto tra i duri e puri delle valli, ma nel lungo periodo la scelta strategia di tornare con Forza Italia permette alla Lega, e quindi a Salvini, in futuro di potersela giocare con Matteo Renzi. I leghisti da soli potrebbero anche arrivare al 20%, magari al 25, ma senza un'alleanza di Centrodestra (e Berlusconi è obtorto collo l'interlocutore naturale), non c'è alcuna possibilità di arrivare a Palazzo Chigi. Giorgetti lo ha capito. Ha lavorato dietro le quinte e ha convinto Salvini a cambiare rotta.

Tags:
lega giorgetti salvini
in evidenza
Silvio chiede che Mattarella lasci? Risentita reazione del Presidente

Ironia del Web

Silvio chiede che Mattarella lasci?
Risentita reazione del Presidente


in vetrina
Ferrarini sostiene l'economia locale con il progetto "Sapori d’Italia"

Ferrarini sostiene l'economia locale con il progetto "Sapori d’Italia"


casa, immobiliare
motori
Walter Röhrl al revival dell’Olympia Rally '72

Walter Röhrl al revival dell’Olympia Rally '72


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.