A- A+
Palazzi & potere
CORONAVIRUS: "IN ALCUNI OSPEDALI GIA' COSTRETTI A SCEGLIERE TRA PAZIENTI"
(fonte Lapresse)

"Temo che, in alcune delle realtà lombarde, questo momento sia già arrivato. Temo che, in alcune situazioni, i miei colleghi siano costretti a fare delle scelte". Lo ha detto oggi, nel corso di 'Unomattina' su Rai1 il prof. Massimo Galli, primario infettivologo dell'Ospedale Sacco di Milano, rispondendo a chi chiedeva se arriverà il momento o se è già il momento in cui i medici impegnati sul coronavirus sono costretti a scegliere quale paziente curare e quale "lasciare indietro". ''È una domanda a cui mi pesa molto dare una risposta - ha detto Galli - Temo che, in alcune delle realtà lombarde, questo momento sia già arrivato. Temo che, in alcune situazioni, i miei colleghi siano costretti a fare delle scelte. Io sono sì in un ospedale di prima linea, ma in una condizione di addestramento che avviene da parecchio tempo. Eravamo uno dei due centri di riferimento italiani per questo tipo di emergenze, per cui avevamo anche tutta una serie di programmi, di protocolli da applicare previsti per situazioni di questo genere, non certo con una scala di questo tipo. Questa è una scala che supera ogni previsione, che in precedenza è stata fatta. Forse, c'è un solo Paese al mondo che si è preparato a qualsiasi genere di catastrofe, che credo sia Israele. A parte questo, non credo ci sia sistema sanitario al mondo che potesse avere una preparazione reale per un problema di questa scala. In alcuni ospedali lombardi siamo nella condizione, purtroppo, di dover operare delle scelte. Questo è quello che traspare dalle situazioni di ogni giorno''. Professore, lei sta dicendo una cosa reale e molto grave, che sta avvenendo in questo momento in Lombardia. Però, noi siamo Servizio Pubblico, dobbiamo dare dei messaggi. Se lei mi consente, il messaggio è questo: bisogna seguire le indicazioni che sono state date in tutta Italia, perché non si arrivi in queste situazioni in altre parti del Paese. La Lombardia si sta attrezzando, le risorse sono maggiori. Però, quel poco di positivo che può uscire, è di fare attenzione e seguire queste norme, altrimenti si arriva alla scelta tra il 20enne e l'80enne. È questo, professore?'' ''Assolutamente sì, anche se spesso -ha spiegato il prof. Massimo Galli- la scelta è tra l'80enne e il 70enne, o meglio, la scelta è tra chi ha una condizione tale da avere maggiori margini di recupero e chi non ce l'ha. Ripeto: è una scelta che, almeno per quanto mi costa, da me e da noi non è ancora imposta. Ci sono state altre situazioni in cui l'emergenza poteva porre la necessità di dire 'tu sì, tu no', nell'immediato. È il discorso tipico di determinate situazioni belliche, sul ferito che può farcela, rispetto a quello che invece ha meno probabilità. Questa è una situazione che non avremmo mai voluto avere e che, in questo momento, si sta proponendo''.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruslombardiasaccogalliospedali
    Loading...
    in evidenza
    A luglio è boom di tradimenti L'88% degli italiani trasgredisce

    Costume

    A luglio è boom di tradimenti
    L'88% degli italiani trasgredisce

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, temporali e grandine in arrivo. Ecco quando, quali zone saranno colpite

    Meteo, temporali e grandine in arrivo. Ecco quando, quali zone saranno colpite


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Un video per scoprire a 360º la nuova Formentor

    Un video per scoprire a 360º la nuova Formentor


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.