A- A+
Palazzi & potere
De Benedetti-Renzi-Popolari. Capezzone: se non è insider trading questo...

"Come si legge sui quotidiani stamattina, dagli atti giudiziari giunti alla Commissione Banche viene fuori la telefonata in cui Carlo De Benedetti, al telefono con il suo broker, dichiara di aver appreso da Renzi che il decreto sulle popolari sarebbe passato".

Cosi Daniele Capezzone, deputato di Noi con l'Italia, vicepresidente Acre, direttore New Direction Italia. "Se non è insider trading questo, ditemi cos'è l'insider trading... In tutte le sedi – pubbliche, private, orali, scritte – ho chiesto che la Commissione Banche audisse anche i vertici di Assopopolari e si occupasse a fondo della storiaccia del decreto renziano sulle popolari. La risposta è stata negativa. Quel decreto, non dimentichiamolo, è stato un intervento dirigista e illiberale: tale da favorire non la concorrenza ma un oligopolio bancario. Da sottolineare anche un dettaglio formale: il decreto fu varato in "vacanza" di un Presidente della Repubblica (Napolitano aveva appena lasciato), con funzioni vicarie esercitate dal Presidente del Senato Grasso, che (nonostante i suggerimenti e le puntuali osservazioni di molti, incluso – ultimo – chi scrive queste righe) firmò il decreto avallando senza fiatare le ragioni di straordinarietà e urgenza dell'intervento normativo… Aggiungo due cose.

La prima. Pur da posizioni di minoranza, com'è noto, presiedevo la Commissione Finanze della Camera ai tempi del blitz renziano. Pur rispettando doverosamente le prerogative della maggioranza, promossi audizioni, cercai di fare il possibile affinché (einaudianamente, appunto) ciascuno potesse "conoscere per deliberare", e magari ripensarci. In quel caso, ci fu un'audizione limpida e coraggiosa di Giuseppe Vegas, presidente della Consob, corredata da una rassegna stampa tutta da rileggere. Eppure fu largamente ignorata: calò uno strano silenziatore sulle osservazioni della Consob. E il Governo, quindi, andò avanti come un carro armato.

La seconda. Il carro armato aveva però molta sabbia nei suoi cingoli. Tuttora infatti molti aspetti della "riforma" sono sub iudice dinanzi alla Corte Costituzionale. E né i promotori renziani né i loro accompagnatori musicali sui giornaloni si sono mai troppo preoccupati di spiegare rischi e conseguenze di uno stallo (prevedibile) e di un'incertezza giuridica che in diversi avevamo paventato".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
de benedettimatteo renzibanche popolaridaniele capezzoneinsider trading
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
La nuova Range Rover è stata svelata alla Royal Opera House di Londra

La nuova Range Rover è stata svelata alla Royal Opera House di Londra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.