A- A+
Palazzi & potere
Spiegare la riforma ma senza paventare scenari apocalittici

Ad Affaritaliani parla Stefano Lepri, Vicepresidente senatori Pd

"E’ stata una campagna referendaria molto lunga e non pochi (io tra questi) l’hanno vissuta come fosse la propria campagna elettorale. La ragione: non sfugge che si tratti di un cambio importante delle istituzioni dello Stato, che possono essere finalmente aggiornate senza modificare spirito e contenuti originari (e originali) della Costituzione.
Devo dire che i cittadini hanno risposto bene, alla faccia di chi evidenzia sempre la disillusione e la disaffezione dalla politica. Ovunque sono andato, e ho fatto decine di incontri, ho trovato persone informate, curiose, talvolta preconcette ma comunque battagliere e pronte ad ascoltare".

Che ne pensa dei "toni" di questa campagna elettorale?
E’ stata una campagna molto dura, spesso fuori dalle righe. E’ indiscutibile che molti la stiano vivendo come l’occasione per fare fuori il Presidente del consiglio. Qualcuno almeno lo ammette in modo esplicito.
Non mi è piaciuta l’eccessiva durezza del confronto: non mi spaventa, ma è indice di una degenerazione della politica. Dobbiamo rimpiangere molte cose dello spirito costituente, tra cui il rispetto reciproco che si portava, al di là delle differenze anche notevoli di visione. 
Non si spiegherebbe diversamente la mole di bugie sparse senza ritegno sui social, al punto di temere che siano ormai utilizzati come cassa di risonanza a prescindere: del vero o del falso non importa, perché se la notizia diventa virale, allora appare certa.  

Cosa ci si deve aspettare in questi ultimi giorni?
Ormai siamo alla fine, non credo a colpi particolari. Anche eventuali importanti novità sull’azione di governo non cambieranno, credo, l’orientamento dei cittadini. Alcuni sceglieranno alla fine, come sempre. Utile quindi ripetere e spiegare, fino all’ultima ora possibile, cosa cambierebbe con la riforma. Non dobbiamo paventare scenari apocalittici, anche se indiscutibilmente il Sì assicura una continuità di governo e una crescente credibilità internazionale del Paese. 

Che fare dopo il voto, per rilanciare il Paese?
Ovviamente il quadro politico sarà diverso a seconda dell’esito, quindi è difficile dire. Credo che il rimettere mano prontamente alla legge elettorale, ripartendo nel solco indicato dall’ultima proposta del PD e d’intesa con le altre forze politiche, possa far riprendere una collaborazione. Non m’illudo, ma spero che i calcoli e il tatticismo su questo tema non prevalgano e che si possa trovare una buona sintesi tra rappresentanza e governabilità.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
stefano lepri
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.