A- A+
Politica

"Quello yacht non e' mio. Non ho nemmeno la patente per guidarla. E' la barca di un mio amico, Stefano Alessandri. Non e' il mio socio. Siamo amici dal 2009. Inoltre, la barca risulta comprata da lui nel 2007, data in cui non solo non lo conoscevo, ma non conoscevo nemmeno Francesco Belsito". Cosi' Riccardo Bossi, in un'intervista a 'Chi' parla dello yacht che i pm di Milano ritengono sia stato acquistato coi soldi della Lega. "Non mi risulta che Belsito abbia acquistato quella imbarcazione e soprattutto non mi risulta che abbia dilapidato soldi pubblici. Tutte le spese indicate sono state effettuate con denaro privato e non pubblico", ha aggiunto il primogenito di Umberto Bossi.

"Sono stato invitato qualche volta in barca con la mia fidanzata e una coppia di amici. Ho dei bellissimi ricordi legati a quella barca. Appena ho conosciuto Sara, abbiamo trascorso a bordo un bel weekend", ha continuato Bossi junior. "Io non ho intenzione di fuggire, ma di difendermi lealmente. Credo nella giustizia. Sono sicuro che si fara' chiarezza. Non nascondo, pero', che tutte queste accuse mi hanno fatto molto male".
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bossilega
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.