A- A+
Politica
Sgarbi condannato per diffamazione. Definì Casalino "checca inutile"
Vittorio Sgarbi

"Casalino checca isterica", Sgarbi condannato per diffamazione. L'insulto nel corso della puntata del 30 gennaio 2020 della trasmissione condotta da Barbara Palombelli su Rete4

 

Il sottosegretario rischia di pagare una sanzione salatissima. Vittorio Sgarbi, nel corso di una puntata di Stasera Italia su Rete4, definì Rocco Casalino una "checca inutile". E' stato condannato per diffamazione nei confronti dell'ex portavoce di Palazzo Chigi e dovrà pagare: 1.000 euro di multa e 3.000 di spese processuali. E poi c'è il risarcimento danni, ancora da quantificare, che la parte civile stima nell'ordine dei 50mila euro.

Secondo quanto scrive roma.repubblica.it, nel corso della puntata del 30 gennaio 2020 della trasmissione condotta da Barbara Palombelli il critico, sindaco di Arpino da pochi giorni, si era lanciato in una lunga invettiva contro il governo giallorosso guidato da Giuseppe Conte. Aveva già chiamato in causa gli allora ministri Luigi Di Maio e Lorenzo Fioramonti (definendoli "figure intermedie che non valgono niente"), prima di rifilare l'insulto discriminatorio al portavoce del presidente del Consiglio: "Rocco Casalino, una checca inutile". Un'offesa personale e denigratoria sull'orientamento sessuale che il giornalista e politico del Movimento 5 Stelle non ha lasciato correre.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sgarbi condannato





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Renault Nuovo Captur ordinabile in Italia dal 16 aprile a partire da € 22.550

Renault Nuovo Captur ordinabile in Italia dal 16 aprile a partire da € 22.550

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.